domenica 20 febbraio 2011

Pagelle Inter 1 Cagliari 0 (19-feb-2011)

Julio Cesar 6. Fortunatamente nessuno lo insidia seriamente perché sembra abbastanza "scazzato" e poco reattivo anche nell'assedio finale.
Ranocchia 7,5. Non sbaglia un colpo; di gran lunga il migliore in campo, circostanza che dice tutto sui meriti del Cagliari; non lo fa apposta a segnare, ma lo fa.
Nagatomo 6. Ha un atteggiamento propositivo sulla fascia di competenza, si scopre anche colpitore di testa, ma un terzino deve mettere i cross, almeno una volta ogni tanto.
Zanetti 7+. Il meno giovane della truppa è quello che abbisogna di meno turnover, ed è pure quello che corre, tampona e contrattacca di più; gli aggettivi per definire la sua grandezza non sono sufficienti a descriverlo.
Cordoba 6,5. Nelle partite in cui serve intervenire alla "viva il parroco" lui si esalta e non cede un centimetro.
Maicon 5. Nel recupero si fa ammonire per perdita di tempo prima della battuta di un calcio di punizione nella metà campo interista: è forse la sua azione più bella di tutta la gara.
Kharja 6. Intanto propizia il gol (più o meno fortunosamente), poi cerca di essere reattivo su tutti i palloni fino a scoppiare nella ripresa; almeno ci mette l'impegno.
Motta 5. Come i palloni che tocca in tutta la partita; evidentemente distratto dal Festival di San Remo.
Stankovic 5. Entra per portare sostanza davanti alla diga difensiva, riuscendoci in parte. Spaesato e inaffidabile come un navigatore senza GPS.
Cambiasso 6. Viene travolto dall'arrembaggio cagliaritano e la sua esperienza serve forse a non affondare, evitando il panico.
Mariga 6,5 E' un messaggio per Donadoni e compagnia bella: noi siamo l'Inter e stasera non vogliamo scherzare. Minaccioso al punto giusto.
Pandev 4,5. Escludendo la prima mezz'ora di gioco, è inutile e irritante come al solito.
Pazzini 4. Un po' non gli arrivano i palloni, un po' non fa niente per attirarli, martedì prossimo contro il Bayern non sarà certo rimpianto.
Eto'o 5,5. Prestazione insolitamente impalpabile la sua, tanto che quando esce il rendimento dell'attacco non migliora né peggiora; si è riposato già quand'era in campo, senza il cuscino. 


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.