18/gen/2011

Il download illegale e i musicisti


E' simpatico vedere artisti musicali di fama mondiale che accattonano spazi di visibilità in televisione, in radio o sui giornali (in cui sparano cazzate e altre amene banalità per giustificare l'occupazione di quello spazio). 
Gente che fino a dieci/quindici anni fa aveva schifo anche a fare i concerti dal vivo perché tanto viveva comodamente di rendita lucrando sulla vendita dei loro compact disk
Ora invece che la massa degli amanti della musica perlopiù la scarica illegalmente sono lì ad elemosinare la comparsata nei programmi per vendere il loro prodotto. 
E non lo dico in quanto che io abbia il PC pieno di mp3 senza diritto d'autore, chi mi conosce sa che in vita mia ho acquistato ben meno di dieci cd (e se si sapesse chi erano gli autori* si potrebbe comprendere anche come la musica non mi sia mai piaciuta).
Lo sfruttamento del file sharing pone l'effetto collaterale dei minori ricavi degli artisti musicali meno famosi, ma non credo che anche quando era di moda acquistare brani nel rispetto del copyright essi fossero incoraggiati da media e rete di distribuzione.


PS (*) Omissis per pudore.

Senna e l'Inter


Non è un gran paragone augurarsi che la propria squadra emuli un pilota che ha perso la vita durante una gara dello sport in cui eccelleva.

Leonardo prende la rincorsa
"La mia Inter è come Senna"

Il tecnico alla vigilia del recupero col Cesena, che può portare i nerazzurri a -6 dal Milan: "Siamo come Ayrton, anche se dietro pensiamo comunque al primo posto perché abbiamo la vittoria nel Dna". Motta non è convocato: "Non è infortunato, ha solo bisogno di recuperare". Muntari invece sì: "L'ho visto bene, poi deciderà lui cosa fare"

Millanterie


L'attuale direttore di NewsMediaset dalle colonne odierne de "Il Giornale", nel tentativo di minimizzare le intercettazioni telefoniche imbarazzanti che riguardano il suo datore di lavoro Berlusconi, afferma che le conversazioni da telefono cellulare possono contenere millanterie. E' autobiografico?

Legalità e pettegolezzi: le telefonate sono prove? Allora arrestateci tutti...



Boccassini & Co. usano il metodo Woodcock e spiano dal buco della

 serratura dei colloqui privati. Chi di noi al cellulare non s’è mai

 vantato di cose inesistenti?

La spallata



Il nostro attuale amatissimo Presidente del Consiglio ha superato finora ognuno degli scandali che negli ultimi diciassette anni lo hanno colpito. Alcuni con nonchalance, altre volte costruendosi preventivamente o successivamente norme legislative che lo tutelassero. 
Ma in quest'ultimo caso è diverso: per respingere l'ipotesi accusatoria della Procura di Milano sulla sua nuova (supposta) abitudine di effettuare congiunzioni sessuali prezzolate, talvolta con minorenni, ha dovuto addirittura affermare di avere una compagna segreta (e ciò per discolparsi dall'accusa di frequentare prostitute). 
Stavolta non verrà digerita.
Chi lo accusa è forse uno dei magistrati inquirenti italiani più validi: quella Ilda Boccassini che da una vita combatte e vince contro le mafie che popolano la società italiana. Posto che appare evidente anche ai più accessi anti-berlusconiani l'eccesso di attenzione di alcune Procure della Repubblica verso Silvio Berlusconi (non esiste una casistica simile di analoghe azioni investigative verso altri eminenti cittadini) cosiccome la chirugica tempistica dell'avviso di garanzia del Caso Ruby (nei giorni immediatamente successivi la parziale bocciatura del "legittimo impedimento" della Corte Costituzionale). 
Stavolta Silvione l'ha fatta troppo grossa: come liberale garantista sono stato disposto a scusare in lui qualsiasi comportamento sconveniente come i festini nelle sue ville o il ricevimento di prostitute professioniste a Palazzo Grazioli, posso anche aver soprasseduto sui problemi penali connessi alle sue aziende (non perché li ritenga irrisori, tutt'altro, ma solo in quanto non lo rendono diverso da buona parte degli imprenditori del nostro Paese), ma aver organizzato o semplicemente fruito di una piccola industria del sesso a pagamento è troppo. 
Povero Silvio, aveva preso anche Ibrahimovic.
Il Tribunale di Milano potrebbe dare così la spallata finale al Regno di Berlusconi, riuscendo laddove le sue forze politiche avversarie non sono mai riuscite. Certo, la magistratura non è e non deve essere un attore politico, ma di fronte al vuoto cosmico delle forze elettorali che avrebbero dovuto e potuto contrastare la leadership di Silvione, PURTROPPO, essa ha minato la sua forza, forse definitivamente. 
A mio giudizio, tra non più di un paio di mesi partirà la Terza Repubblica, senza "il Cavaliere" ma con sempre le forze di centro-destra al potere. Cambierà poco e quelli che sono anti-berlusconiani per professione  (quelle organizzazioni che vanno dal quotidiano Repubblica all'Italia dei Valori di Di Pietro passando per PD e radical chic di stampo rutelliano) rischiano l'annientamento poiché avranno perso la loro principale ragione - politica - di esistere. Avremo un berlusconismo senza Berlusconi e una sinistra priva di suoi veraci rappresentati? Quasi certamente sì. 



Lucilla Agosti


Lucilla Agosti, nota al pubblico per i suoi arti inferiori, riesce a mettere in imbarazzo il celeberrimo attore pornografico Rocco Siffredi.... 

 

17/gen/2011

D'Alema e qualcosa di sinistra


La difficoltà del Partito Democratico di affermare "qualcosa di sinistra", ma anche di dire solo qualcosa di civiltà.

 


16/gen/2011

Inter - Bologna 4 a 1



Si potrebbe parlare dei quattro successi (su quattro gare disputate) dell'Inter di Leonardo, del gioco ritrovato con i suoi 12 gol segnati (e 4 subiti), di Maicon che ormai calcia solo di esterno, di LenThiago Motta che usa i suoi tempi di gioco rallentati per ipnotizzare gli avversari, di Diego Milito che con un gol e un assist (di tacco) forse è tornato ad essere il Principe di San Siro, di Cambiasso regista da Oscar e interditore invalicabile, di Cordoba che quando cerca di verticalizzare il gioco umilia la legge dei grandi numeri perché non riesce mai a fare un passaggio lungo efficace (ma in fase difensiva umilia chiunque, indipendentemente che si chiami Cavani, Lopez o Di Vaio), di Eto'o che avvalora la tesi di Gesù Cristo scuro di pigmentazione, di Chivu terzino adeguato alla sua classe innata ed indolente, di Lucio che si trattiene nel rispetto delle sue calzature fucsia e che nel riposo tra i due tempi di gioco rimane chiuso in una delle toilette del Meazza, di Zanetti che fa 519 presenze  in Serie A raggiungendo il mitico Zio Bergomi: ma non è di questo che voglio parlare. 


Il nostro portierone Luca Castellazzi da Gorgonzola al 30° del secondo tempo devia impercettibilmente in corner un tiro del bolognese Gimenez, nessuno della quaterna arbitrale nota il tocco e infatti l'arbitro indica il calcio dal fallo di fondo. Ma il numero 12 interista richiama l'attenzione di Gabriele Gava e proclama il calcio d'angolo. Certo la sua squadra stava vincendo 4 gol a 0 ad un quarto d'ora dalla fine, ma ciò non toglie nulla alla nobiltà del gesto. Intanto ha compiuto l'auto-denuncia, gratuitamente e senza alcun vantaggio. E poscia, grazie agli sviluppi del tiro d'angolo, si è preso la rete della bandiera dei felsinei ad opera dello stesso uruguaiano. Il Bologna segna il punto del 4 a 1 grazie alla sua probità. L'episodio dimostra come le Divinità, ove presenti, continuino a non essere interiste  perché punisconono gli atti di bontà sociali nerazzurre. Non sanno ancora che l'Inter è LA Religione e che loro in realtà non sono mai esistite quantunque ancora venerate.

15/gen/2011

Referendum Fiat



Hanno vinto i SI'. La linea imprenditoriale darwinista di Marchionne è stata approvata. Con la complicità dei sindacati gialli alleati della FIAT. 
Da oggi i 5500 operai torinesi saranno liberi di lavorare otto ore consecutive intervallate da ben tre pause da 10 minuti e godere della "pausa" pranzo a fine turno. In nome della produttività e della competitività, dovranno subire le turnazioni decise dall'azienda e non ci sarà neanche neanche la FIOM a ricordare all'azienda il rispetto delle regole. 
La Fiat non fa più parte di Confindustria e i suoi lavoratori non hanno più un contratto collettivo nazionale che disciplini il rapporto di lavoro. Nel nuovo contratto il diritto di sciopero e di contestazione è derubricato a fastidio non accettabile. 
Si diceva che se l'accordo fosse stato approvato, la Fiat avrebbe ricominciato a investire a Mirafiori. Sarà anche vero, ma per la prima volta nella storia del mondo del lavoro italiano, c'è stata una portentosa regressione dei diritti dei lavoratori. Da oggi qualsiasi altro imprenditore può imporre la deregolamentazione con la minaccia e il ricatto, come ha fatto Marchionne. Nell'immobilismo del Governo e nell'indifferenza delle opposizioni parlamentari come contorno.
FIOM e CGIL sono - purtroppo - le uniche forze sociali di OPPOSIZIONE di questa Italia liberale.

Diossina in modica quantità


Il Ministro della Salute Ferruccio Fazio, il luminare lungimirante che nel 2009 ha fatto comprare allo Stato italiano 19 milioni di inutili vaccini per l'influenza H1N1 (la Novartis ringrazia sentitamente), afferma che la carne tedesca contaminata non fa poi tanto male. Non ha ancora detto che "anzi, la diossina insaporisce in quanto sa un po' di curry rendendo il maiale speziato e appetitoso" ma ritengo questa dichiarazione una mera questione di tempo. Ha invece già affermato che se uno mangia 140 kg di carne tedesca in una settimana sono cazzi suoi.



Fazio: «La carne contaminata non fa male»

La Cina ha bloccato le esportazione di prodotti alimentari a base di uova o carne di maiale
provenienti dalla Germania. Il caso diossina diventa ogni giorno più serio anche se  il
Ministro della Salute italiano Fazio rassicura i consumatori ricordando che non c'è
alcun rischio e che la carne contaminata tedesa si può comunque mangiare
"purchè non si superi - ha dichiarato Fazio - la quantità di 140 kg in una settimana".

14/gen/2011

Sassicaia

Venti euro a bicchiere?
Questo non è un vino ma uno status symbol per "discepoli del consumismo prodigo", come la Smart che non è un'automobile e il Rolex che non è un orologio. E' uno strumento per comunicare al mondo (in questo caso ai commensali) che si possiedono parecchi dindini, così tanti da poter essere spesi in beni non necessari. Per giunta, se il Sassicaia costasse meno di 100 euro se lo filerebbero meno persone. Poi se è un prodotto di qualità oppure no risulta un particolare secondario: chi sarebbe così imprudente da ammettere di aver buttato dei soldi per un vino scarso?

13/gen/2011

Numismatica o gonzomatica?


Chissa dov'è questa Estonia poi, probabilmente ad Est
Il mondo è pieno di monete, di collezionisti di monete e anche di grulli. La Bolaffi sul proprio sito vende a € 19,50 (+ € 4,50 per spese di spedizione) TUTTI gli euro dell'Estonia, stato che a partire dal primo gennaio del 2011 si è dotato di questo nuovo conio. Non è che vende tutte le monete estone, ma un esemplare ciascuno di uno e due euro più i tagli da 50, 20, 10, 5, 2 e 1 centesimo. Per un valore commerciale di € 3,88. Ok che le monete acquistate sarebbero "fior di conio", ma vale la pena spendere 24 euro per ottenere una merce che nominalmente ne vale meno di 4 (cioè il 600% in più)? Gli acquirenti di questo pregiatissimo e rarissimo oggetto avranno le monete comprate in modo così prezzolato COME RESTO la prossima volta che prenderanno il giornale... 

12/gen/2011

Il tram tra Lione e lo scalo aereo



In una città normale, quando arrivi nel suo aereoporto c'è un servizio di tram-navetta che ti collega al centro della città stessa in 25 minuti, magari percorrendo pochi metri a piedi tra lo scalo e la partenza del veicolo rotabile.


In una città anormale, lo scalo aereo principale dista 50 km dalla città di riferimento ed ad essa è collegato con un servizio ferroviario scomodo, costoso, lento e poco frequente.




Visualizza Lyon - Airport by tram in una mappa di dimensioni maggiori

11/gen/2011

Trentatré trentini neanche a Trento


Simpatico fine-inizio d'anno. Nella Valle di Ledro.


Sotto il CONTINUA QUA altre foto.


 
Ciaspole: sembrano "calzature per tortura" ma servono ad affrontare le ascese e le discese sui monti nevosi. La Santa Inquisizione non c'entra.

10/gen/2011

Il solco della storia e la metro di Assago




"Sono soddisfatto del risultato ottenuto oggi poniamo la scritta fine sui lavori del prolungamento della linea metropolitana M2 Famagosta-Assago e il 23 gennaio 2011 ci sarà la messa in esercizio e l’inaugurazione. Questo mese di attesa è stato voluto dalla Commissione Ministeriale per i dovuti controlli, perché la sicurezza della stazione deve essere assoluta e certificata. Tutti gli attori protagonisti in questa avventura hanno sempre lavorato con serietà e celerità.” (Graziano Musella, sindaco di Assago)




Un Natale 2010 specialmente magico per il Comune di Assago. Il 19 dicembre saranno ultimati i lavori per il prolungamento della MM2 Famagosta-Assago. Il 23 gennaio 2011 ci sarà la messa in esercizio del mezzo. Il sindaco Musella ha addobbato di luci e colori tutta la città di Assago, per condividere con i suoi concittadini un solco nella storia.


09/gen/2011

Paolo Bitta e la gara



Paolo Bitta sfida il figlio Brad in una gara in cui vince chi si astiene di più dell'altro dall'urinare. Episodio della saga "Camera Cafè" indubitabilmente esilarante.

 

07/gen/2011

Il rosario elettronico


Come dice Ratzinger: "non è con un telescopio qualsiasi, ma con gli occhi profondi della ragione alla ricerca del senso ultimo della realtà e con il desiderio di Dio mosso dalla fede, che è possibile incontrarlo, anzi si rende possibile che Dio si avvicini a noi''. Però ci sono altri strumenti che ci rendono la grazia di poterlo sentire e che incrementano la possibilità che questa entità ultraterrena si avvicini a noi.

Nell'ultimo Santissimo Natale c'è stato il boom dei rosari elettronici; la buona notizia l'ha data questo sito scrivendo che il nuovo gadget cattolico è:

 frutto di un accurato restyling all'insegna della tecnologia e della qualità, mantenendo inalterati spirito e valori che animano da sempre il prodotto. Tra le principali novità, una maggiore varietà di colori e soluzioni dall'inconfondibile forma di ovetto al modello con un design accattivante, piccolo, tascabile, leggero e dotato di cuffiette, simile nella forma e nel concept ad un lettore musicale, ideale da portare sempre con sé per raccogliersi in preghiera in modo discreto e in ogni momento della giornata, al lavoro, o durante qualsiasi altra attività. 

A renderlo un oggetto ancora più prezioso anche il fatto che sia stata utilizzata la voce originale di papa Woytila:

È un rosario elettronico, creato dalla Prex, in una versione curata e personalizzata dalle Paoline.
Tra le caratteristiche principali di questo prodotto c'è, oltre la registrazione del rosario completo articolato nei diversi giorni della settimana, ilPadre nostro recitato da Giovanni Paolo II. 
Sono inoltre incluse le Litanie Lauretane (tranne per il giovedì, che si conclude con il Salve Regina).

L'apparecchio, venduto in una scatola contenente le note per la garanzia, le informazioni per l'uso e i testi delle preghiere, è accessibile anche ai non vedenti, grazie ai tasti in rilievo e alla voce registrata che notifica i diversi giorni.

È un dispositivo pensato in particolare per le persone anziane o sole, un aiuto per il "vangelo in preghiera", per guidare e accompagnare la recita quotidiana del rosario. (Info)

Di seguito, una suggestiva Litania Lauretana:

 

E c'è anche la Fidelity Card (strumento commerciale che in questo caso ha un nome quasi appropriato essendo legato all'esercizio e alla fruizione della fede religiosa). Peccato che la catena di supermercati Esselunga abbia registrato prima il nome "Fidaty Card".

PAOLINE FIDELITY CARD 
La chiave d’ingresso al Mondo di privilegi Paoline
Richiedi gratuitamente la tua carta vantaggi ed entrerai subito a far parte del Mondo Paoline. Potrai ricevere tante informazioni su novità, eventi e promozioni dedicate ai nostri migliori clienti. 
Sconti   I titolari della Paoline Fidelity card hanno diritto sempre ad imperdibili sconti sui prodotti acquistati: il 10% sui Libri ed il 5% sugli Audiovisivi Paoline.
News   Potrai essere costantemente informato su tutte le migliori offerte e le promozioni che le Paoline ti riserveranno. 
SMS   Riceverai direttamente sul tuo cellulare SMS d’invito per le più importanti iniziative Paoline. 
Newsletter   Offerte promozionali, novità ed eventi, saranno pubblicati sulla Newsletter periodica che riceverai gratuitamente al tuo indirizzo e-mail. 
Senza scadenza   La Paoline Fidelity card non scade mai ed è valida per tutta la durata del programma fedeltà. 
Richieste   Puoi inviare suggerimenti, proposte o richieste di chiarimento sulla Paoline Fidelity Card al nostro indirizzo di posta elettronica fidelitycard@paoline.it  o via fax (+39) 06.54.95.65.91. 
In programmazione   Tanti altri privilegi e convenzioni per premiare il nostro club.

Dopo Inter Napoli

Ieri sera si è celebrata la prima partita dell'Inter 2011 targata Leonardo. Posto che, pur avendo incontrato una squadra forte e compatta come questo Napoli di Mazzarri, la Squadra ha giocato comunque meglio delle ultime uscite con Benitez ma ancora c'è parecchio da lavorare per renderla realmente competitiva.

Stante l'infortunio di Julio Cesar, il suo sostituto Cappellazzi/Castellazzi non è altezza di difendere la porta neroazzurra: è insicuro negli interventi e trasmette incertezza al reparto, inoltre ha un rendimento scolastico tale per cui non risulta mai essere decisivo. Branca dovrebbe quindi stringere per Emiliano Viviano attualmente in forza al Bologna e di cui l'Inter possiede metà del cartellino. 

L'attacco senza Eto'o non è in grado di pungere, e non è un caso che nelle ultime tre gare di campionato su nove gol segnati solo uno di questi porta la firma di un attaccante: di quel Pandev che in 31 partite con la maglia dell'Inter ha segnato la bellezza di 4 gol... Su Milito c'è poco da dire: pure ieri si è divorato due gol, ma con quello che ha fatto l'anno scorso tutto gli può essere scusato.

Parliamo di Leonardo: secondo me rimane un incompetente ma può avere il pregio di essere un "fratello maggiore" dei giocatori e quindi infondere loro quella fiducia nei propri mezzi che può rappresentare il salto di qualità per tornare in corsa per Serie A e Champions League. Se così fosse, i cugini milanisti a partire da febbraio dovranno guardarsi alle spalle. Non vincere dopo essere stati campioni d'inverno ricorderebbe un'altra rimonta non programmata subita ad Instabul un lustro fa.


E' degno l'Oscar del calcio il nostro 2010?

Perchè perchè
primo tempo tu vincevi 3 a 0
e alla Coppa ci credevi per davvero
perchè perchè
3 a 1 3 a 2 3 a 3.


Marchionne e i lavoratori



Il dott. Marchionne nel 2011 guadagnerà più della totalità
 dei dipendenti di Mirafiori ma pagherà meno tasse di tutti loro
 messi assieme. Lavoratori... Prrrr

Il sempre più simpatico Marchionne è un emulo di Alberto Sordi ne "I Vitelloni", ma quello era un film... (foto presa da)

06/gen/2011

L'AJ si beve la Pepsi



Dopo 24 anni Dan Peterson torna ad allenare una squadra di pallacanestro. L'ultima volta (nella stagione 1986-87) aveva fatto TRIPLETE vincendo in un mese Campionato, Coppa Italia e Coppa dei Campioni; l'ultima partita l'aveva giocata contro Caserta, proprio come ieri sera.


L'esordio vincente nella Serie A di Basket, preceduto dalla doverosa standing ovation del pubblico del Forum, arriva quattro giorni prima del 75° compleanno di Dan Peterson, nato nel 1936 come l'Olimpia Milano che è tornato a dirigere...



In mezzo a questi marcantoni c'è un piccolo genio statunitense.
In un quarto di secolo è rimasto fedele al suo abbigliamento.

Il numero 34 David Hawkins riscuote tutta la mia simpatia per un piccolo particolare capitato nel 2007.


Ecco il "falco" come segue l'azione puntando lo sguardo dall'altra parte rispetto alla sfera.

Coach Dan Peterson è soddisfatto della prestazione della squadra: "Ovviamente sono contento per la prestazione, ma permettetemi di ringraziare il pubblico. La gente questa sera ci ha dato una grande spinta, avevo chiesto il loro aiuto in conferenza stampa ieri e sono contentissimo di avere visto tutte queste persone al Forum". (prego)

Armani Jeans batte Pepsi Caserta 98 a 84 (con il tabellone più brutto di tutti i palazzetti d'Europa).

05/gen/2011

Il biotestamento del Partito Democratico

Dura presa di posizione di Ignazio Marino sullo stato di utilità sociale del Partito Democratico, forse indotta anche dalle esternazioni pro Marchionne (e contro la FIOM) di Piero Fassino e al tentativo di alleanza politica con l'UDC di Casini (Di Pietro e SEL di Vendola sono considerati troppo alternativi a Berlusconi). Marino propone di usufruire del biotestamento per liquidare il PD, se necessario con il contributo degli iscritti oltre che dello stimabilissimo quadro dirigente. Grazie Ignazio, ma i gerarchi del PD hanno ancora tanto da fare per distruggere del tutto questo movimento fintamente di opposizione e di solo apparente avversione verso il Popolo della Libertà.

2011 senza ponti


Meglio, così aumenta il PIL. 

Dopo le mezze stagioni (che non esistono più), sono scomparsi anche i ponti. 

Stavolta i tagli di Tremonti non c'entrano.


MESEFESTIVITA'GIORNO
Gennaio6 (Befana)
giovedì
Aprile25 (Festa della Liberazione e Pasquetta)
lunedì
Maggio1 (Festa dei lavoratori)
domenica
Giugno2 (Festa della Repubblica)
giovedì
Agosto15 (Ferragosto)
lunedì
Novembre1 (Ognissanti)
martedì
Dicembre8 (Immacolata)
giovedì
25 (Natale)
domenica
26 (Santo Stefano)
lunedì
Gennaio (2012)1 (Capodanno)
domenica