martedì 30 novembre 2010

Domani a Milano non nevicherà


Non posso citare la mia fonte infallibile e riservata, so invero per certo che Wikileaks la rivelerà. Viabilità quindi regolare e Generale Inverno battuto (non dalla Sapienza delle azioni della elegantissima Leti Moratti ma solo dal fatto che siamo ancora in autunno, alla faccia della scomparsa delle mezze stagioni).


Dov'è lo scoop?

C'era bisogno delle informazioni riservate pubblicate da Wikileaks per scoprire che c'è un arzillo viveur settantenne alla Presidenza del Consiglio? 

 Berlusconi incapace, vanitoso e stanco per le lunghe nottate
'Incapace, vanitoso e inefficace come leader europeo moderno'': questo il giudizio dell'incaricata d'affari americana a Roma Elizabeth Dibble sul presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio italiano e' un leader ''fisicamente e politicamente debole'' le cui ''frequenti lunghe nottate e l'inclinazione ai party significano che non si riposa a sufficienza'', afferma sempre la Dibble in un documento inviato a Washington e reso noto da Wikileaks. Il telegramma della Dribble e' citato dal Guardian, uno dei giornali che ha ottenuto da Wikileaks i documenti segreti. (Unita)

E' stato divertente

José Mourinho: "Se già è stato divertente andare al Camp Nou con Chelsea e Inter, ora col Madrid lo sarà ancora di più" (gazza).



LIGA | BARCELONA 5 - REAL MADRID 0

De fútbol habla el Barça

Soberbia lección de juego del equipo azulgrana, que desmonta a un Madrid impotente






Paura


Carlo Lucarelli* (alias Fabio De Luigi), Tafazzi, Nico e Rolando. Sublime.

* Peraltro, uno dei più grandi giallisti degli ultimi 150 anni.





lunedì 29 novembre 2010

Mario Monicelli. Gassman e Sordi.

Fiat voluptas tua


Con questo nuovo logo i concorrenti del mercato dell'automobile di FIAT stanno già tremando. Ci saranno automobilisti senza scrupoli che lo staccheranno dalla carrozzeria, e non solo per conferirlo alla frazione secca della raccolta differenziata dei rifiuti.

Ma chi ha disegnato questo stupendo marchio è stato anche pagato?

sabato 27 novembre 2010

Democrazia e xenofobia in Svizzera


Per chi pensasse che in Italia la Lega Nord si comporti da movimento politico molto razzista e molto xenofobo. Nella (pseudo) civile Confederazione Elvetica domani si terrà un referendum popolare in cui si chiederà ai cittadini di avallare o meno un provvedimento che stabilirà - se approvato - l'espulsione immediata dei cittadini stranieri colpevoli di gravi reati o di aver truffato la mutua pubblica; i sondaggi danno vincenti i favorevoli.
Questo quesito elettorale al confronto con l'italiana legge disciplinante l'immigrazione e denominata Bossi-Fini (con i suoi illiberali decreti di espulsione, i suoi lager spacciati per centri di permanenza temporanea e la massima difficoltà di ottenimento dei diritti di piena cittadinanza per chi non è europeo) appare ispirata a principi democratici e umanitari. .
Come votare secondo questo sito da nome eloquente http://www.iniziativa-espulsioni.ch/ 


La Svizzera del 2010 vede come modello di integrazione la Germania e l'Italia degli anni Trenta?

L'immigrato sarebbe la pecora nera da espellere a calci in culo




Ufficio Federale di Polizia

Dati ufficiali dei crimini commessi da cittadini stranieri su suolo elvetico (stato 2007)

Lesioni corporali : 52,7 %
Omicidi intenzionali : 55,5%
Ricatti : 66%
Stupri : 85,5%

Totale dei crimini commessi da cittadini straneri : 52,8% (fonte)

venerdì 26 novembre 2010

Zlatan e la prostituzione

Critiche alla ricchezza della Chiesa


Lettera che il parroco di Antrosano, don Aldo Antonelli ha inviato al Cardinale Bagnasco dopo le posizioni assunte dalla Chiesa sugli ultimi episodi che sono avvenuti in Italia. 

Che differenza c’è tra una prostituta che vende il corpo per danaro ed una chiesa che, sempre per danaro, svende l’anima? Nella mia sensibilità morale una differenza c’è: una donna povera ha comunque il diritto a vivere, mentre la chiesa, per vivere, memore delle parole del suo Maestro, deve pur saper morire. Testo integrale



Debora Caprioglio ha trovato i suoi valori


Dalla recitazione centrale nel film erotico-artistico "Paprika", sullo sfondo dello scottante tema della riapertura delle case chiuse, alla responsabilità politica nazionale di Cultura e Spettacolo per l'Alleanza di Centro. Debora Caprioglio, che ha commentato con entusiasmo questa nuova avventura, porterà sicuramente la sua esperienza professionale al servizio della nuova formazione politica.

Cultura e Caprioglio corrono finalmente paralleli

Un'applicazione efficace del Metodo Stanislavsky

giovedì 25 novembre 2010

Saviano e Il Giornale


Certe cose io non le capisco, ma dev'essere un mio umanissimo limite. Il quotidiano Il Giornale ha organizzato una raccolta di firme contro Roberto Saviano "che dà del mafioso al Nord". E contro i mafiosi veri, ad esempio quelli indicati dal Ministero dell'Interno nell'Elenco dei latitanti di massima pericolosità, nessuna petizione? Non comprendo come ci possa essere più sommovimento civile verso un singolo giornalista piuttosto che contro gli esponenti della criminalità organizzata stessa... 


E' un po' come se la Spagna, alla fine della seconda guerra mondiale, avesse fatto causa a Giorgio Perlasca per essersi spacciato per diplomatico spagnolo invece che perseguire i criminali nazisti che egli ha ostacolato.


Peraltro l'uscita di Saviano contro la Lega non è piaciuta neanche a me, ma da qui ad organizzare una raccolta di firme contro di lui mi pare francamente eccessivo.

Raccolta di firme contro Saviano


Elenco dei latitanti più pericolosi

Allegri ma non troppo



Il capo supremo del Partito delle Libertà ha affidato il gioiello di famiglia ad un personaggio dalle convinzioni socio-politiche particolari?

“Le Br non facevano così male”.
Quando Massimiliano Allegri
 attaccava i carabinieri
Oggi in panchina sembra molto posato. Ma il 12 maggio 2008 l'attuale tecnico
 del Milan reagiva con insulti "rossi" alle forze dell'ordine che gli contestavano un'infrazione stradale. Nei prossimi giorni si celebrerà il processo. Storia di "Acciuga", dai campi di periferia al club dell'uomo di Arcore.
ile. (CONTINUA)

Amaro Giuliani addolcito




Gian Germano 'Pippo' Giuliani, proprietario dell'omonima casa farmaceutica, quella dell'amaro medicinale, è accusato da Emilio Fede di averlo aggredito in un ristorante di Milano. Giuliani è sposato in terze nozze con un'ex commessa, Ilenia Iacono, di 38 anni. In precedenza l'imprenditore era stato sposato in prime nozze con Bedy Moratti e in seconde con un'indossatrice: entrambe erano presenti alle nozze con la Iacono, celebrate nel febbraio del 2008 nella villa di famiglia di lui, a Brunate, sul lago di Como Leggi l'articolo FOTO Fede al Tg4 con lo zigomo tumefatto

martedì 23 novembre 2010

Tra quanto tempo verrà cacciato Rafa Benitez

Barbara Berlusconi nel CdA del Bilan



La figlia del Presidente è entrata nel CdA della società. E' in buona compagnia e, come dicono i tifosi della Curva Sud, la sua nomina è nel solco della tradizione della società. I cognomi dei personaggi che compongono l'organigramma societario indicano in effetti la prosecuzione di un costume aziendale.




Presidente: -
Vice Presidente Vicario e Amministratore Delegato: Adriano Galliani
Vice Presidenti: Paolo Berlusconi, Gianni Nardi
Consiglieri: Francesco Barbaro, Pasquale Cannatelli, Leandro Cantamessa, Alfonso Cefaliello, Francesco Forneron Mondadori, Giancarlo Foscale, Livio Gironi, Paolo Ligresti



Corrado "Genio" Guzzanti




lunedì 22 novembre 2010

Caminetto all'etanolo da tavola


Chi non vorrebbe la tavola illuminata da un camino portatile che profumasse la cucina o il salotto con il suadente odore dell'etanolo? A soli 16 euro (più spese di consegna) il sogno ora si può realizzare. Sullo stesso sito non viene indicata la disponibilità alla vendita dell'estintore da tavolo. In caso il caminetto da tavolo precipitasse dal tavolo riducendosi in pezzi e provocasse la combustione del tappeto, il numero verde dei Vigili del Fuoco è il 115.



INFORMAZIONI PRODOTTO

Disponibilità:
Disponibile - Spedizione entro 24 ore Disponibile - Spedizione entro 24 ore
EAN:4029811258291 
Produttore::No-Name 
Codice produttore::N/A 
Codice articolo:KAMI001-1
Peso:1.37   kg

Nove e il crollo interista


Il numero 9: come i punti di ritardo dalla testa della classifica del campionato, i gol subiti nell'attuale Serie A (inutile record), i gol segnati nel torneo da Eto'o (pure questo è un primato triste), il numero di maglia dello stesso camerunense e il numero di presenze di Biabiany in campionato.


Dopo la disarmante prestazione di Verona seguita al catatonico derby e alle figuracce con squadroni come Brescia e Lecce (senza menzionare l'umiliazione di Londra e i 3 presi nell'andata contro la medesima squadra in inferiorità numerica per un tempo) già ieri sera sarebbe servita una scossa. Ma il Presidente Moratti ha preferito temporeggiare e cacciare Rafa Benitez solo dopo la metà di questa settimana. Volendo pregiudicare tutta la stagione interista. O forse puntando a vincere l'Europa League già questa stagione.


Il gioco nerazzurro da più di un mese a questa parte è inesistente. Neanche nell'era pre-Calciopoli la manovra di gioco è stata così latitante, ma lì sussistevano concretamente diversi alibi a vantaggio delle altre squadre che ci rendevano meno responsabili.


Una stagione Inter Rotta.
A Benitez è sfuggito completamente il controllo dei giocatori: è vero che il numero elevato di infortuni è un elemento di cui lui non è del tutto responsabile (ma il preparatore atletico che usa tutti i metodi distruttivi sui muscoli della squadra se l'è scelto di propria sponte). Il modulo però lo sceglie lui e il fatto che si ostini a utilizzare il  4-2-3-1 malgrado la forma e qualità della rosa non glielo consenta è merito suo. Cosiccome gli errori nelle sostituzioni (ancora bestemmio se penso al difensore centrale Cordoba che entra al posto del terzino offensivo Maicon nella gara contro il Brescia) e il fatto che assista passivo all'evolversi dei risultati negativi senza intervenire  in itinere sull'approccio alla partita. Pancho Villa non trasmette alcuna carica a quelli che schiera. Ora Eto'o sarà correttamente squalificato per almeno 3/4 giornate: se pure all'uomo che ha salvato la fragile apparenza nella prima parte della stagione sono saltati i nervi significa che Benitez è già FINITO. Non so cosa aspetti Moratti a rendersene conto.

domenica 21 novembre 2010

Cambiare Benitez

Sostituire il ciccione con un'esponentessa del bel gioco
"È chiaro che dopo una sconfitta nessuno è contento, però i giocatori hanno lavorato tanto  e hanno avuto una giusta reazione nel secondo tempo, dimostrando quello che doveva dimostrare una squadra di carattere. Purtroppo è mancato il gol in un paio d'occasioni, ma come sforzo e atteggiamento la squadra c'era. La reazione dei giocatori è stata positiva, fino alla fine, in un campo bruttissimo. La squadra ha mostrato carattere e se avessimo fatto gol sarebbe cambiato tutto" (inter.it). 

sabato 20 novembre 2010

Malocchio e panico



Sarà che Rafa Benitez è un panzone sfortunato e che ha portato all'Inter un preparatore atletico con l'hobby della macelleria, ma dieci infortunati anche domani sono tanti. Inoltre uno dei due medici della squadra si chiama Giorgio Panico.



Coutinho (da valutare), Chivu (in dubbio 15ª giornata), Mariga (in dubbio 13ª giornata), Julio Cesar (in dubbio 14ª giornata), Milito (in dubbio 14ª giornata), Muntari (in dubbio 15ª giornata), Maicon (in dubbio 15ª giornata), Thiago Motta (in dubbio 16ª giornata), Obi (in dubbio 17ª giornata), Samuel (stagione finita)

giovedì 18 novembre 2010

Belén a pésca

Il sito del Tgcom mostra un'immagine di Belén Rodriguez di spalle mentre sta entrando in mare dalla scaletta di un'imbarcazione. Il titolo della sezione del Tgcom dalla quale ho scaricato questa foto è intitolata "Lati B, dal pomodoro alla pesca". La pésca è intesa come attività sportiva sicchè con l'accento sulla lettera "e". La didascalia della foto dipana ogni dubbio sul motivo delle terga della showgirl argentina in primo piano: "Belen a pesca" (senza accento, come fosse un frutto). 

Entrare in mare con le chiappe alzate è già il must dell'estate 2011


Mercoledì 17 novembre Tgcom è stato visto da 714.513 utenti che hanno sfogliato 9.360.385 pagine (come dichiarato).

Maroni e le dimenticanze de l'Unità




Sul sito de l'Unità di oggi un articolo a firma di Claudia Fusani intitolato "Quello che Maroni non vede" racconta della penetrazione della criminalità organizzata nell'economia della Lombardia. La giornalista cita le cifre "fatturate" dalle mafie e il «coinvolgimento di alcuni personaggi, pubblici amministratori locali e tecnici del settore che, mantenendo fede ad impegni assunti con componenti organicamente inserite nelle cosche, hanno agevolato l’assegnazione di appalti ed assestato oblique vicende amministrative» . Tutto corretto e tutto assolutamente condivisibile, si omette però che l'ex sindaco arrestato a cui l'articolo fa riferimento era un politico del Partito Democratico. Maroni non vede quello che l'Unità tralascia di pubblicare?


 MILANO COME REGGIO CALABRIA

Leggere la relazione è come avere davanti il grande schermo illuminato con cui Saviano l’altra sera si aiutava nella spiegazione. Nuove filiazioni delle ‘ndrine Barbaro-Papalia di Platì «sono presenti nella zona sud-ovest del capoluogo lombardo ed è sempre maggiore la loro capacità militare e di assoggettamento ambientale». Gli arresti del vicepresidente di una società per azioni, di un ex sindaco di Trezzano sul Naviglio, vertice pro tempore del consiglio di amministrazione di aziende pubbliche del settore della tutela e gestione delle risorse idriche dell’area milanese, di un componente del consiglio comunale e di un geometra dello stesso comune raccontano «i legami sempre più forti tra imprenditori ed amministratori realizzati dai nuovi vertici criminali».


http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/02/22/news/_ndrangheta_e_corruzione_arrestati_politici_di_pd_e_pdl_a_trezzano_sul_naviglio-2613579/

mercoledì 17 novembre 2010

Non lo sapeva

http://www.elmundo.es/elmundo/2010/11/17/castellon/1289985072.html
http://www.elmundo.es/elmundo/2010/11/12/castellon/1289578314.html

Boeri e primarie

All'indomani della sonora sconfitta nelle primarie per il Comune di Milano, il candidato Stefano Boeri ha individuato un nuovo manifesto elettorale.

L'editto di Saviano: Lega interlocutrice della 'ndrangheta"



Roberto Saviano ha sentenziato così durante la puntata di "Vieni via con me" dell'altroieri comunicando alla Nazione quanto segue; con semplicità, ovvietà e il consueto piglio di chi sa di conoscere cose che ai più sfuggono:


"La 'ndrangheta al Nord, come al Sud, cerca il potere della politica e al Nord interloquisce con la Lega": (fonte)


Lo scrittore campano non supporta il suo ragionamento con prove (del resto chi si fida ciecamente di lui non gliene chiede conto); le sue sono Rivelazioni su cui sembra non sia lecito dubitare, come se non fosse tenuto ad osservare le regole del giornalismo.


E' noto che io non sia leghista e che stimi Saviano. Ciononostante credo non sia lecito utilizzare il prime time della televisione per instillare un dubbio denigratorio verso un movimento politico che in più di vent'anni di storia non ha mai avuto un solo militante colluso o vicino alle organizzazioni mafiosi. E non si tratta solo di sospetti, non c'è mezzo straccio di processo penale che abbia superato il primo grado di giudizio in cui un leghista sia stato condannato per reati legati alla criminalità organizzata. 


L'affronto di Saviano alla Lega, coerentemente allo stile sinistrorso e anti-berlusconiano che il buonista Fabio Fazio ha voluto imprimere alle sue trasmissioni, è solo un attacco strumentale al partito che ha nel suo DNA la critica feroce al Mezzogiorno e al suo sistema produttivo clientelare. 


Affermare che la Lega interloquisce con la 'ndrangheta significa (tentare di) delegittimare una forza politicamente nemica del Sud. Fare questo su un canale televisivo nazionale non è un buon servizio pubblico, anche se in molti dei nove milioni di spettatori che lunedì hanno guardato "Vieni via con me", grazie all'intervento di Saviano, ora credono che la Lega Nord sia magari assimilabile a Forza Italia (vedi Dell'Utri) o all'Unione di Centro (Cuffaro) per i rapporti con le mafie. E' assolutamente giusto e naturale che Roberto Maroni abbia richiesto il diritto di replica, è ingiusto e innaturale che questo gli sia stato negato.



martedì 16 novembre 2010

Paolo Brosio, il Twiga Beach Club e Medjugorje


Paolo Brosio, volto popolare della televisione italiana dai tempi di Tangentopoli (in cui seguiva la cronaca giudiziaria per il Tg4 di Emilio Fede con collegamenti dall'esterno del Tribunale di Milano) ha trovato la fede: è stato aiutato in questo dalla visita a Medjugorje "dove sei ragazzi hanno apparizioni e dove si recano in pellegrinaggio milioni di persone". Questa rivelazione non gli ha impedito di continuare a seguire il Twita, uno stabilimento balneare (poi divenuto anche club) sito a Marina di Pietrasanta che gestisce insieme a Flavio Briatore, Daniela Santanchè e Davide Lippi (il figlio dell'allenatore, noto anche per la partecipazione nella GEA). 

Dove gli è cambiata la vita
Nasce nel cuore una preghiera alla Madonna e il desiderio di incontrarla a Medjugorje, il villaggio della Bosnia-Erzegovina dove, dal 24 giugno 1981, sei ragazzi hanno apparizioni e dove si recano in pellegrinaggio milioni di persone.
Per Brosio è una svolta. L’incontro con i veggenti e con tante persone di fede, ma soprattutto il desiderio di fare del bene e la decisione di raccogliere fondi per finanziare una casa di accoglienza per i bambini orfani a causa della guerra nei Balcani. (fonte)




Il Twiga Beach Club non trascura particolari ed attenzioni garantendo ai propri ospiti esclusività ed eleganza.
Qui invece la vita non gli è cambiata
Ogni tenda è arredata con 2 lettini, 2 sedie sdraio, 1 regista, 1 tavolo e può ospitare fino a 5 persone. Le tende Arabe possono accogliere invece fino ad 8 persone nella rilassante atmosfera con musica di sottofondo, morbidi drappeggi, cuscini e, all’occorrenza, rinfrescante acqua nebulizzata.
Le tende sono corredate da set di spugne e teli mare personali, con cambio settimanale.
Le cabine “Elegance” dai vivaci colori pastello, sono dotate di doccia calda e cassetta di sicurezza per la custodia valori. (fonte)

Lobby bianconera

Con questo metro di giudizio, fra trent'anni so già a chi dedicheranno l'aeroporto di Milano Malpensa.


13 novembre 2010

L'INAUGURAZIONE

Dedicata a Cabrini la Stazione Centrale di Milano

La parola accoglienza è stata la chiave della cerimonia con cui oggi la Stazione Centrale di Milano è stata intitolata a Santa Francesca Cabrini. Non a caso visto che la santa, nata nel 1850 a Sant'Arcangelo Lodigiano, è stata nominata nel 1950 patrona degli emigranti.

È proprio per la missione che la portò ad aprire scuole ed ospedali in diversi Paesi (soprattutto negli Stati Uniti dove aiutò gli emigranti italiani, tanto da essere stata la prima santa cittadina americana) il motivo per cui il sindaco, Letizia Moratti, ha proposto che a lei fosse intitolata la Stazione, cioè «la porta di ingresso» per la città.
(fonte)

lunedì 15 novembre 2010

Il Peppino Prisco in più



Si può discutere all'infinito sui risultati sportivi parziali, ma OGGETTIVAMENTE il tifo interista è sempre stato superiore a quello bilanista (ieri, come sempre). Facile capire il perchè.


L'Inter come il PD


Perdono ambedue scientemente sapendo che alla fine vince sempre una persona che si chiama Moratti?



sabato 13 novembre 2010

Tombarello

Mangiato ieri a cena. Una specie di tonno ma con "carne" simile a quella dello sgombro. Non lo conoscevo e l'ho acquistato come tale (leggevo che talvolta viene propinato come "tonnetto"). Un tonno low-cost che definirei un pollo di mare per la compattezza della polpa, che ricorda il petto dell'avicolo. L'orata o il branzino sono leggeri al gusto, questo è sodo e "gnucco". Mi sembra una tipica specie ittica da griglia, peccato non ne sia dotato.

132 euro per il derby di Milano al terzo anello curva



Se n'era già parlato, ma la Guardia di Finanza non ne sa proprio nulla? € 132 (centotrentadue) euro per un biglietto che ne costa (alla fonte) € 23 non è un po' illegale? Amici delle Fiamme Gialle non che è siete in ascolto? 132 diviso 23 per 100 fa quasi 600%.

https://www.viagogo.it/secure/pipeline/buy/ShippingDetails?ID=9e93054a-a4a5-46e8-8ece-5f0c308f4c9f
http://www.inter.it/it/biglietti/prezzi.html