19 giugno 2010

Bon-ton francese

LE QUOTIDIEN DU SAMEDI 19 JUIN 2010

Esame di Licenza Media (matematica)


L'esame che due giorni fa hanno sostenuto gli studenti per conseguire la licenza media (ora chiamata "scuola secondaria di primo grado") sarebbe stato uno scoglio insormontabile per il 90% degli italiani che tale titolo di studio già ce l'hanno... DIFFICILISSIMO.

18 giugno 2010

Un milanese a Milano

Dopo innumerevoli anni un milanese ritorna a giocare nella prima squadra di Milano (e se la memoria non m'inganna, l'ultimo portiere milanese a militare nell'Inter era stato Walter "Uomo Ragno" Zenga).

Il neo-interista ritorna nella provincia che gli ha dato i natali (è nato a Gorgonzola nel 1975) ripercorrendo le orme di un tal portierone Gianluca Pagliuca, che nell'estate 1994 era approdato all'Inter proveniente anche lui dalla Sampdoria.

Il primo acquisto di Rafa Benitez è un portiere esperto e solido, che nella scorsa stagione aveva perso il posto da titolare solo a causa di un grave infortunio.

Geografia europea

Tutta Europa è nerazzurra, ma c'è spazio anche per il Milan.

17 giugno 2010

Cartolina di Zaragoza

Il bavaglio della legge bavaglio

Silvione, ovvero l'editore e il produttore del reality Grande Fratello, dice non è simpatico il fatto che siamo tutti spiati, tutto questo casino perché vuole avere l'esclusiva?

16 giugno 2010

La suoneria di Rafa

Tutti gli interisti VERI devono averla come suoneria primaria del proprio cellulare. DEVONO.
Per il download: QUI.

15 giugno 2010

Cose turche

La società del Besiktas ha "accattato" Quaresma. E per accaparrarsi l'ex numero 77 interista (già numero di Francesco Coco, questa maglia non porta bene, e lui aveva anche il 7 del conterraneo Sergio Coincecao) il club di Istanbul ha anche pagato: 7,3 milioni, per la precisione. E' incredibile come un giocatore dal rendimento negativissimo come il portoghese abbia potuto avere ancora un mercato; 24 partite giocate (e un gol segnato, involontario, in Inter-Catania di due campionati fa) in due stagioni, senza infortuni, la dicono lunga sulla sua utilità.
Il guru Mourinho lo aveva voluto fortissimamente quando è approdato all'Inter. L'operazione era costata 25 milioni, e Moratti aveva accondisceso alle volontà del suo nuovo allenatore. Il Mou non ha voluto Quaresma a Madrid (l'acquisto nerazzurro di questo minchione da parte sua pone più un vulnus sulla sua conclamata bravura) e allora Branca ha dovuto metterlo sul mercato.
Solo sul Bosforo è stato trovato l'acquirente. Cazzi del BJK (Beşiktaş) allora. Dopo le bestemmie italiane, ora avrà anche quelle dell'Asia Minore. Bravo Ricardo, non capendo la lingua locale, ti demotiveranno di meno.


14 giugno 2010

Expo 2008 Zaragoza

Per pronosticare quanto succederà a Milano nell'A.D. 2015 basta passare per Saragozza. Il capoluogo dell'Aragona (Spagna) ha ospitato questa manifestazione fieristica internazionale nel 2008 ed ora lì rimane la sua inutile eredità. L'Expo è l'olimpiade dello sperpero del danaro pubblico, lo pensavo prima di visitare la città ispanica e lo penso ancora di più dopo aver visto quante strutture colà sono state inutilmente costruite per non essere più utilizzate dopo. Ora in quest'area giacciono inutili e inutilizzate strutture in attesa di disfacimento. Due domeniche fa, mese di giugno, questa era la situazione. Un nulla solitario e gli edifici che hanno celebrato l'Esposizione Universale solinghi e abbandonati. Con i soldi del pubblico, sottratti a più importanti investimenti. A Milano per l'Expo 2015 sarà anche peggio, la corruzione italica nei pubblici appalti è in grado di produrre ben peggiori mostri urbanistici. I palazzi, la "scultura" e l'ovovia. Si noti come la cittadinanza spagnola continui a godere di tali opere. La presenza umana è massiccia e parla da sola. Manco un cane randagio. Sullo sfondo la città, immediamente sotto la Nullità. Un ingegnoso ponte, pieno di veicoli che gioiosamente lo percorrono. In pianura l'ovovia è prioritaria, soprattutto quando raccorda luoghi così strategici. Ma che bello questo ponte ciclo-pedonale, una vera opera d'arte. Del resto neanche la Gioconda conferisce un valore aggiunto al cittadino medio. I capolavori sono fatti così, inutili ma proprio per questo sublimi. Eccezionali stand espositivi. Non più usati solo perchè Saragozza aveva ed ha già il suo polo fieristico. Nel dubbio certi spazi possono sempre servire. Il padiglione espositivo dell'importantissimo stato di Andorra, ancora intonso dopo la sua apparizione all'Expo 2008. Nessuno ha avuto il coraggio di usurpare il nobile spazio. Questo è ciò che volevano i cittadini: piattaforme per giochi strani così da dissuaderli dal visitare l'area espositiva, stupenda. Una sontuosa area per le automobili desolatamente vuota. Non si sa mai che arrivino 20000 auto che cercano il parcheggio e non lo trovano. --------------------

Archiviamola

Senza credere che l'ultima stagione sia irripetibile. Anzi. Nel 2010-11 si possono raddoppiare i trofei vinti... Ma per farlo il nostro presidente Massimo Moratti deve rinnovare un pochino la squadra: in primis la difesa. Samuel e Lucio (classe 1978) non giocheranno in eterno, Materazzi (1973) e Cordoba (1976) sono validi sostituti dei titolari ma non potranno giocare ad alti livelli fino a 65 anni. Discorso a parte per il Capitano, che può fare quello che vuole perchè la classe non ha età, e per Maicon: se è vero che desidera giocare a Madrid, se ne vada pure così con i 35 milioni della sua cessione rifacciamo la squadra. Farà la fine di Ibra, Vieri e Ronaldo? Discorso portieri: Toldo (1971) e Orlandoni (1972) sono due istituzioni e in questi anni si sono sempre fatti trovare pronti quando il numero 12 Giulione Cesar è stato assente... io vorrei un po' più di sicurezza nel delicato ruolo di estremo difensore. A centrocampo siamo già perfetti con il quasi certo arrivo di Javier Mascherano (1984) ma non disdegnerei l'acquisto di un'ala di ruolo, sempre che Quaresma non resusciti. L'attacco è il nostro reparto più scarso, come numerosità. Quattro attaccanti più Astronautovic sono il minimo sindacale per poter competere su sei fronti, tanto più che Pandev non è una prima punta. Ci serve un attaccante che faccia da torre, nessuno dei nostri fortissimi "avanti" riveste specificatamente questa funzione. Capitolo Milito, se vuole concludere la carriera altrove che se ne vada: è un 1979 e non ha davanti una vita calcistica longeva, cedendola adesso ci garantiamo il prezzo del cartellino potendo investire su una punta con un futuro più continuo davanti a sè.

13 giugno 2010

Era meglio Acquafresca

Di Milito. Ad affermarlo era il giornalista Mediaset Paolo Bargiggia che proprio un anno fa definì il mercato dell'Inter masochista perchè aveva ceduto il promettente Robert Acquafresca ed era stato acquistato il vetusto Diego Alberto Milito. Nell'ultima stagione il bomber Acquafresca ha fatto 4 gol in 24 partite (uno così forte che non ha trovato spazio nella retrocessa Atalanta e che nel Genoa era "chiuso" da campioni come Suazo e Sculli), il Principe argentino 30 in 52 gare disputate, con qualche golletto storico. Grazie Bargiggia, fanno bene quelli di iorg a dedicarti l'edizione 2010 dello speciale concorso Calciominchiata.