01/giu/2010

Statisticamente primi al mondo

L'IFFHS (la federazione internazionale di statistiche e storia del calcio) ha pubblicato oggi la classifica mondiale per club per la stagione 2009/10. In questa classifica, che ordina in maniera decrescente le squadre in base ai risultati ottenuti durante l'annata, in testa c'è l'Inter in coabitazione con il Barcelona. Le altre italiane: la Roma è quinta (e non seconda come nella maggior parte dei trofei a cui ha partecipato), la Fiorentina 34° (inspiegabile l'auto-licenziamento di Prandelli dopo questo ottimo risultato) mentre Juventus e Milan si trovano rispettivamente in 51° e 52° posizione immediatamente davanti ai prestigiosi argentini del Lanus ma dietro i pugnaci danesi dell'FC Copenaghen. Ma bianconeri e rossoneri la prossima stagione, con un po' di fortuna, potrebbero avvicinare e addirittura superare, Brugge, Salzburg e FC Basel.

La cena dei Mister

31/mag/2010

Due giugno

- - - -

Le indignazioni del Ministro Frattini

Settimana scorsa il ministro degli Esteri Franco Frattini si è indignato per la decisione (poi ritirata) del gruppo Coop di bloccare le importazioni di prodotti dalle aree palestinesi occupate da Israele. Giusto, infatti la stessa Coop ha fatto marcia indietro. Oggi l'esercito israeliano ha attaccato militarmente alcune imbarcazioni di varia nazionalità dirette a Gaza provocando la morte di almeno 19 persone. Chissà quanta indignazione. La vita di uomini e donne inermi stroncata da un'azione bellica varrà di più di qualche pompelmo boicottato?

Il meglio del Mourinho pensiero

"Io non sono pirla" (prima conferenza stampa con l’Inter, 3 giugno 2008) "Ranieri ha detto che non ha bisogno di vincere. Lui a quasi 70 anni ha vinto una Supercoppa, una piccola coppa. Non ha mai vinto trofei importanti. Forse ha bisogno di cambiare la sua mentalità, ma forse è troppo vecchio per farlo" (4 agosto 2008) "Monaco chi? Io conosco il monaco del Tibet, Monaco di Montecarlo, il Bayern Monaco, il GP di Monaco... Se qualche monaco vuole farsi conoscere perché parla di me, mi deve pagare" (dopo le accuse del d.g. del Catania, Lo Monaco, 15 settembre 2008) "Io ho studiato cinque ore al giorno l'italiano per diversi mesi per poter comunicare con voi giornalisti, con i tifosi, e pensate che vi abbia mancato di rispetto? Parla poi Ranieri che dopo cinque anni in Inghilterra ha avuto difficoltà a dire 'good morning e 'good afternoon'" (27 settembre 2008) "Barnetta ha parlato con me allo stadio e non mi ha detto niente. Se dopo ha detto qualcosa alla stampa a me non l'ha detta. Forse ha bisogno di lavorare un po' sulla personalità" (rivolto al collega Mario Beretta, 27 settembre 2008) "C'è stata grandissima manipolazione intellettuale. Un grandissimo lavoro organizzato per manipolare l'opinione pubblica. Prostituzione intellettuale” (3 marzo 2009) "Negli ultimi due giorni non si è parlato della Roma che ha grandissimi giocatori, con tanti giocatori che io volevo avere con me ma che finirà la stagione con zero tituli. Non si è parlato del Milan, che ha 11 punti meno di noi e chiuderà la stagione con zero tituli. Non si è parlato della Juve che ha conquistato tanti, ma tanti punti con errori arbitrali" (3 marzo 2009) "Solo uno tra ventuno non voleva darmi la laurea honoris causa, ma è normale, anche Gesù non piaceva a tutti" (20 marzo 2009) "Balotelli, oggi, è stato vicino allo zero. Ho provato diverse strategie, gli sono stato più vicino, più lontano, sono stato più aggressivo, più comprensivo. Ora aspetto lui. Come va a finire? Che dallo psicologo ci finisco io" (8 novembre 2009) "Juventus e Milan erano felicissimi all' 88’, ma erano felici anche al 93’. Al 95’ forse qualche tv è volata dalla finestra…" (dopo la rimonta di Inter-Siena 4-3, 9 gennaio 2010) "Se ti alleni con Zanetti e Cambiasso e non migliori hai un solo neurone, e magari un po’ infortunato" (5 febbraio 2010) "Perché adesso tutti parliamo di Bayern Monaco-Fiorentina? Ci vuole coerenza. Non mi piace fare lo struzzo. La realtà è che in Italia c'è una sola area da 25 metri" (riferito alla Juve, 19 febbraio 2010) "Se prima di una partita metto la squadra a guardare “Il Gladiatore”, i miei giocatori si mettono a ridere o chiamano il dottore chiedendogli se sono malato" (riferito a Ranieri, 8 maggio 2010)

29/mag/2010

L'uomo che usciva la gente

“Dai creatori di Brodo di Gocciole, un nuovo film che ha fatto sognare intere generazioni e ne ha fatte suicidare altrettante. Dal genio di Bruce Lagodigarda una struggente storia d'amore, ballo e passione...”

28/mag/2010

Pesto alla trapanese

Ricetta semplicissima e buonissima. Prendere tutti gli ingredienti e, dopo averli lavati, metterli in un frullatore per qualche minuto. Poscia condire qualsiasi tipo di pasta, possibilmente rispettando i tempi di cottura. E' un sugo crudo quindi è più estivo che invernale.

Ingredienti (per 4 persone)

  • Aglio Ricette1 spicchio
  • Basilico Ricetteun abbondante mazzetto
  • Olio di oliva Ricetteextravergine 150 ml
  • Parmigiano Reggiano Ricette100 gr
  • Pepe Ricettemacinato fresco a piacere
  • Pinoli Ricette50 gr
  • Pomodori Ricetteramati 500 gr
  • Ricotta Ricettedi mucca 150 gr
  • Sale Ricetteq.b.

Oggi c'è il Mortirolo

C'è solo un tratto al 18%, per il resto altri 12 km circa in falsopiano con un dislivello di 1317 metri (pendenza media 10,3%). XIX tappa Giro d'Italia 2010

27/mag/2010

Sarebbe

"Con me tecnico il Milan sarebbe campione". Viene specificato anche il distacco: 5 o 6 punti. Dunque: il Milan è finito a 12 punti dall'Inter campione d'Italia. Con Silvio Berlusconi allenatore rossonero, facevano 18 punti in più (così dice lui, con tanta umiltà). L'anno scorso Gattuso disse che loro a Manchester avrebbero vinto, poi in questa stagione hanno preso 3 pere in casa e 4 fuori. Edit: LA RISPOSTA DI LEONARDO NON SI E' FATTA ATTENDERE.

Legge ad provinciam

Dentro alla Finanziaria 2010 c'è anche questo provvedimento: Via inoltre le Province più piccole, cioè quelle sotto i 220.000 abitanti che non confinano con Stati esteri e non ricadono in Regioni a statuto speciale. (Corriere) Detto che è sempre cosa buona e giusta eliminare enti inutili (ma allora perché non segarle tutte e 110?), ci sono alcune curiosità. Chi è il Ministro dell'Economia e delle Finanze e quindi il principale stesore della Finanziaria? (Risposta: Giulio Tremonti) Ma dov'è nato Giulio Tremonti? (Risposta: a Sondrio) Quanti abitanti fa la provincia di Sondrio? (Risposta: circa 180,000) Ma allora anche questa provincia verrà eliminata? (Risposta: no perché la provincia di Sondrio confina con la Svizzera) Quali conseguenze geo-politiche possono sussistere nell'abolire provincie confinanti con stati esteri? Dipende forse dal fatto che ivi sia nato un Ministro importante?

La manovrina

«L’Italia ha fatto meglio degli altri paesi europei. Abbiamo superato con misure sagge e lungimiranti gli effetti peggiori della crisi, aiutando le famiglie a basso reddito, gli anziani e assicurando un sostegno a tutti coloro che hanno perso il lavoro». Berlusconi, Febbraio 2010 «Uscite fuori controllo dopo che il centrosinistra ha affidato la Sanità alle Regioni» Il governo e la manovra da 24 miliardi «Misure inevitabili, si è speso troppo» Berlusconi: per anni abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. Maggio 2010

25/mag/2010

Galliani e la matematica

Coerente alla sua filosofia aziendale, Adriano Galliani spara numeri a caso (oppure è Repubblica che subdolamente cerca di screditare la squadra del Presidente del Consiglio pubblicando frasi inesatte). Ieri aveva dichiarato che "se [il Milan] stiamo ancora fra i primi tre Paesi europei lo dobbiamo alle squadre milanesi, che sono le uniche due nei primi otto". Il Milan però è nono nello UEFA Team Ranking 2010 e la nona posizione non è nelle prime otto. Se il Siviglia dovesse passare il turno preliminare della prossima Champions League, la terza squadra di Milano (la più forte compagine cittadina dopo l'Inter e le riserve dell'Inter) non sarebbe testa di serie e si troverebbe nello stesso girone di una squadra a scelta tra Barcelona, Manchester United, Chelsea, Arsenal, Liverpool, Bayern e appunto il Siviglia. Lo Zurigo fortunatamente è finito settimo nel campionato svizzero e non potrà più nuocere ai moschettieri rossoneri. Si vede che Silvio non ha ancora insegnato a Galliani come si usa Gogol. C'è un'altra cosa che dovrebbe imparare, lui e tutti gli altri milanisti: il significato della parola PERDERE. Il gioco del calcio infatti non funziona come la politica dove se c'è qualche magagna basta farsi approvare leggi ad personam. PS (Edit) Il Milan non è nelle prime otto della prossima CL ma, visto che il Liverpool non si è qualificato, sarà testa di serie.

24/mag/2010

Assago-Morimondo-Assago

Sessanta chilometri circa nella prima domenica "estiva" da neo-campioni d'Europa direzione abbazia di Morimondo con "manifestazione internazionale di ricostruzione storica medioevale ambientata nell’epoca viscontea e legata alla battaglia di Casorate" inclusa, di cui è stato apprezzato in particolare lo stand gastronomico con prezzi davvero medioevali, ovvero bassi. Visualizza Assago-Morimondo in una mappa di dimensioni maggiori

Inter 2 Bayern 0

Cancellato anche questo:

Altri trionfi

Mentre c'è una squadra dalla maglia a strisce nere ed azzurre che vince tre titoli nella stessa stagione (prima squadra italiana a compiere una simile impresa), ce n'è un'altra con i colori rossoneri che trionfa nella Superleague Formula by Sonangol: grazie ragazzi.

23/mag/2010

Zitti tutti

Siamo la squadra più forte del mondo. Concetto, se si vuole, banale ma autoesplicativo. Dopo aver dominato il campionato italiano negli ultimi cinque anni ("Pentacampeon", e non abbiamo ancora finito) ora arriva il massimo trofeo continentale europeo. In pochi dubitavano che i bavaresi del Monaco potessero ostacolare l'ineluttabile vittoria. In molti invece gufavano, anche se a parole si auguravano una vittoria interista. A questa frequente specie di bilanisti rossoneri-serotituli è dedicato il giuoco enigmistico del post precedente. Quelli che gufavano infatti erano soprattutto i milanisti. Prima di ieri sera avevano una sola frasetta per tentare di argomentare contro il nostro ciclo di successi: "I ricordi delle vostre vittorie in Europa sono solo in bianco e nero". A parte che nel frattempo noi si vinceva tre Coppa Uefa (e non è che un trofeo non vale nulla solo perché non lo ha mai vinto il BB?ilan), ma la stagione appena terminata dice che il Milan viaggia verso un baratro sportivo e i cugini nerazzurri un po' meno.
Anche la sicura partenza di Mourinho, a meno che non venga scelto come sostituto quel pirla manciniano di Mihajlovic, non mina un gruppo fortissimo. Del resto l'allenatore portoghese ha l'occasione unica di poter risollevare una squadra come il Real Madrid che non passa gli ottavi di CL da sei anni... Se uscisse ai quarti già sarebbe un successo. Mi interrogo solo sulla valenza sportiva di un titolo europeo che i rossoneri hanno vinto alcune volte. Anche perché nel finale di questa bellissima stagione l'Inter ha faticato molto di più a battere la Roma in Coppa Italia (si giocava in casa sua e l'arbitro aveva deciso di promuovere il gioco gladiatorio) e il Siena in campionato (i toscani non hanno giocato con le infradito come i clivensi contro i romanisti). Diego Milito a loro gli aveva fatto un gol a testa (è democratico lui), ai tedeschi addirittura due, uno per tempo in quanto il Principe è uno preciso.
Non fatevi vedere mentre rosicate, non è un bello spettacolo.

Rebus: (2,2,6).

CA

22/mag/2010

21/mag/2010

Loris Batacchi

Indubbio cameo di estremo valore artistico per Andrea Roncato in "Fantozzi subisce ancora".

Inceneritore punitivo

Il Comune di Milano non effettua la raccolta differenziata della frazione umida dei rifiuti (al contrario della maggior parte dei comuni normali). In compenso brucia tutto (o termovalorizza o cancrovalorizza, a seconda dei punti di vista) e diffonde i relativi salubri fumi verso i paesi vicini. Di solito il posizionamento dell'inceneritore dei rifiuti è locato in aree vicine a comuni amministrati da maggioranze non di centro-destra: il penultimo impianto di smaltimento del ruff è stato ubicato in via Silla (zona Figino) verso il comunistissimo comune di Settimo Milanese e quest'ultimo sarà ad Opera (con sindaco leghista) ma ben attaccato al rossissimo comune di Rozzano. Ovviamente è un caso....
Risulta ancora meno comprensibile l'atteggiamento dell'opposizione che, invece di combattere gli inceneritori richiedendo l'istituzione e il rispetto di una capillare raccolta differenziata, discute della locazione del termovalorizzatore. Come se nella provincia di Milano potesse esistere un luogo dove esso non sia nocivo. Le speranze per un PD che produca un impegno politico non-tafazziano sono perse da tempo.

20/mag/2010

Il pensionato erotomane

Un signore di 80 anni del Canton Ticino s'infortuna cadendo da un albero di prugne e, terminata la convalescenza, viene colto dalla passione per i localini in cui si esibiscono alcune professioniste. I familiari criticano questa scelta mentre il pensionato si innamora di una giovane artista romena. Solidarietà (e un po' di invidia) per l'arzillo viveur o critica feroce per la sua prodigalità? http://www.tio.ch/aa_pagine_comuni/articolo_interna.asp?idarticolo=557851&idsezione=1&idsito=1&idtipo=3

Silvio e Gogol

Scoperto il segreto delle ultime campagne acquisti del Milan: Oguchi Onyewu, Klaas-Jan Huntelaar e Gianmarco Zigoni sono stati scovati grazie a ricerche effettuate sul sito di Gogol.

Grazia, Oriana Fallaci e l'ACI

18/mag/2010

Campionati italiani DOMINATI

Questi ultimi quattro campionati di Serie A sono stati dominati da una sola squadra. La serie di scudetti consecutivi vinti dell'Inter è ferma (e non ancora conclusa) a quota 5 solo perché nel 2006 gli è stata consegnata una vittoria finale quale mini-risarcimento dei furti decennali che avevano copiosamente vessato i nerazzurri. Senza la Cupola Moggiana potevano essere 7 o 8. Questi cinque campionati consecutivi sono il record della Serie A ed eguagliano la serie della Juventus degli Anni Trenta; considerando il blasone e la tradizione truffaldina bianconera sarà stata sicuramente frutto di furti. Da quando i vari Moggi&Meani sono scomparsi dal calcio, Juventus e Milan non hanno più vinto una fava. Probabilmente il duo di cui sopra portava fortuna. Anche Fiorentina e Lazio sono precipitate di rendimento (ove possibile) da quanto i Della Valle e Lotito sono stati sanzionati dalla magistratura sportiva. E' andata peggio a Siena e Reggina, che quattro anni dopo quelle sentenze punitive sono entrambe nella seria cadetta. Negli ultimi quattro campionati l'FC Internazionale ha totalizzato 348 punti: solo 48 punti più della Roma, 50 della Juve (ma un anno è stata in B) e ben 79 del Milan. La Roma, nello stesso intervallo temporale, ha preso di media 12 punti di distacco a stagione (questo spiega perché il -2 gli abbia dato alla testa), 17 per la Juve e 20 per il Milan. A onore dei rossoneri la regolarità dei punti di distacco, 12 in questa stagione e rispettivamente 10 nel 2008/09, 21 l'anno prima e ben 36 nella stagione del record dei punti in Serie A (limite imbattibile). A distanza siderale le altre squadre: la Fiorentina, migliore delle peggiori, prende mediamente 27 punti di divario dalla capolista. Sono numeri che narrano del dominio incontrastato del massimo campionato italiano, cifre che dovrebbero far riconoscere la supremazia totale di chi vince sempre dominando. Ma ai tifosi non-interisti piace osservare una realtà manipolata e non constatatare i dati di fatto; e illudersi, infatti già dal fischio finale di Siena sono in molti che hanno iniziato a fantasticare sull'inversione di tendenza da agosto prossimo. Sogni d'oro. Per dire, Mario Yepes firmerà a giorni per il Milan. Beati loro. CLASSIFICA DELLA SERIE A DEGLI ULTIMI QUATTRO CAMPIONATI

2010

2009

2008

2007

TOT

Inter

82

84

85

97

348

Roma

80

63

82

75

300

Juventus

55

74

72

In B

201

Milan

70

74

64

61

269

Fiorentina

47

68

66

58

239

Palermo

65

57

47

58

227

Sampdoria

67

46

60

49

222

Napoli

59

46

50

In B

155

Lazio

46

50

46

62

204

PUNTI DI DISTACCO TOTALI E PER STAGIONE

TOT

MEDI

Roma

48

12

Juventus

50

17

Milan

79

20

Fiorentina

109

27

Palermo

121

30

Sampdoria

126

32

Napoli

96

32

Lazio

144

36

17/mag/2010

Il Romanista e l'Inter sul cellulare

Chissà quanti saranno i romanisti che nella giornata di oggi per soli € 5 alla settimana si abboneranno alla suoneria dell'Inter cliccando sul banner posto nella prima pagina del sito del IlRosichista. Pensavano pure di vincere il campionato? Ma neanche la Coppa Italia (giocata in casa).

Il perdente di successo

Claudio Ranieri è lo specialista delle sconfitte, o meglio delle "non-vittorie". Se esiste una competizione a cui partecipa una squadra da lui allenata il conseguimento del secondo posto è matematico. L'AS Rosicona Roma l'ha ingaggiato per questo e il genietto di Testaccio non l'ha tradita. Se in 24 anni di carriera il buon Ranieri non ha mai vinto una fava allenando molto spesso club importanti, e che hanno iniziato a vincere appena l'hanno cacciato, un motivo ci dovrà pur essere... Peccato che i vari Totti, De Rossi e tutti gli altri romanisti non l'abbiano capito, e un mese fa, dopo Roma-Atalanta, si siano impegnati in caroselli per le vie della città per aver "trovato" la testa della classifica. Che grazie a questa mentalità provinciale hanno quasi subito perso.
E dire che per insegnare ai giallorossi a vincere gli era stato dato in prestito anche Nicolas Burdisso, che di scudetti ne aveva vinti ben quattro (quanti quelli vinti dai capitolini nella sua storia)... ma l'equazione RANIERI <---> PERDERE ha dato sempre lo stesso risultato: ZERO TITOLI.

Roma Club Icaro

Nel paese dei Cretini il re Minosse aveva chiesto a Dedalo di costruire il labirinto per il Minotauro. Avendolo costruito, e quindi conoscendone la struttura, a Dedalo e suo figlio fu preclusa ogni via di fuga da Creta da parte di Minosse, poiché temeva che ne fossero svelati i segreti e vennero rinchiusi nel labirinto. Per scappare, Dedalo costruì delle ali con delle penne e le attaccò ai loro corpi con la cera. Malgrado gli avvertimenti del padre di non volare troppo alto, Icaro si fece prendere dall'ebbrezza del volo e si avvicinò troppo al sole (nella mitologia corrente l'INTER); il calore fuse la cera, facendolo cadere nel mare dove morì. La tradizione lo porta come esempio di chi tenta di compiere azioni fuori dalla propria portata e senza averne i mezzi sufficienti.