mercoledì 1 settembre 2010

Quagliarella o' core 'e Napule



Se non si è originari di Napoli non si può capire l'immensa gioia per un calciatore napoletano di giocare nella squadra della propria città. L'atmosfera partenopea è infatti magica e unica. Fabio Quagliarella ha coronato il suo sogno, solo che poi i colori sociali azzurri da amare incondizionatamente sono diventati bianconeri. L'unica spiegazione al decadimento di questo nobile sentimento verace è che l'attaccante campano sia diventato daltonico.

"Solo tre giorni ci ho impiegato per diventare un giocatore del Napoli. E sono stati i tre giorni più belli della mia vita. Adesso che la mia avventura azzurra è finalmente cominciata, mi fa piacere raccontare ai napoletani le emozioni che ho vissuto in questi mesi."


"Mi accordai subito, firmai in pochissime ore e ringrazio, ancora oggi, sia Pozzo per la disponibilità che De Laurentiis per la stima e per la possibilità che mi ha dato di vestire la maglia del mio cuore. Ho sognato il Napoli sin da quando ho cominciato a tirare calci a tutto ciò che aveva la forma di un pallone nelle strade di Castellammare." 


"Ci ho messo tre giorni per diventare azzurro ma non basterà una vita per cancellare la gioia di portare addosso questa maglia."  

http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=116518&sez=SPORT






Nessun commento:

Posta un commento

I commenti NON vengono pubblicati subito.