25/ago/2009

L'enigmatico striscione di Buccinasco

Oggi un ragazzo ha appeso questo striscione prima di codesto incrocio: il contenuto appare abbastanza enigmatico, e quindi curioso.
Dice che Duda & Teo un anno fa, il 25 agosto 2008, hanno compiuto un viaggio da ricordare tra Manacore (provincia di Foggia) e il capoluogo lombardo, passando da Roma, mentre molti erano al mare.
Cosa avranno voluto dire? Vittime di Trenitalia o di Alitalia-AirOne? Sono incappati in una lunga coda nelle autostrade? Un'avventurosa fuga d'amore poi terminata? Ci sono degli aneddoti nascosti? Io a questo punto vorrei sapere.
Certo passare da Roma per fare la tratta tra il Gargano e Milano è un'anomalia, ma sono sicuro che c'è di più. Questa deviazione da sola non giustifica l'esposizione pubblica di uno striscione.

City Tour



Cosa spinge degli esseri umani minimamente consapevoli dal punto di vista socio-turistico ad imbarcarsi su questi autobus (scoperti) che fanno il giro delle città?

Non ce l'ho in particolare con quelli che lo fanno a Milano con la Zani Viaggi. Questi autobus li rispetto, non tanto o non solo perché viaggiano nella mia città (che è un bel posto), ma in quanto che sono il veicolo con cui i giocatori interisti solitamente visitano il centro città una volta vinto lo Scudetto, accadimento divenuto abituale negli ultimi anni.

I viaggiatori turisti che acquistano il biglietto per questi autobus scelgono di fare un Giro per la città, se non piove, sul piano scoperto, pagando dei soldi. Si mettono delle cuffiette monouso per sentire fregnacce nella loro lingua mentre l'autobussiere li scarrozza lungo un percorso prefissato. Per la città di Milano ci sono addirittura due itinerari opzionabili. Possono discendere dal veicolo, e lo stesso passerà a riprenderli - nel caso di Milano - ogni 30 o 45 minuti, a seconda del percorso prescelto.

Come si fa a vivere la città che si vuole visitare a questa stregua? A Milano le cose belle non sono neanche tutte comprese nelle circonvallazione delle mura spagnole. Ciò riguarda questa città così come qualsiasi altra città frequentata da turisti.



24/ago/2009

Bagarinaggio on line

Anche il bagarinaggio è stato sdoganato grazie al Web 3.0; niente più - o non solo - venditori abusivi di biglietti per partite o concerti che stazionano nelle vicinanza di palazzetti o stadi. Ora lo spettatore può farsi babbare direttamente on line. Il sito Seatwave vende direttamente i biglietti dal proprio sito, ma con una particolarità: un ricarico del 700%. Un biglietto di terzo anello rosso per il derby Milan-Inter costa presso la rete di vendita tradizionale (agenzie del gruppo Intesa San Paolo) € 14, su Seatwave invece c'è la grande opportunità di acquistarlo per € 100 (escluse le eventuali spese di consegna). In pratica vendono il prezzo di una gara singola quasi al costo di un abbonamento per l'intera stagione. Non ci sarà probabilmente il tutto esaurito allo stadio, o comunque al momento è possibile ancora prendere biglietti in prevendita. Vorrei tanto sentire il parere di qualcuno della Guardia di Finanza, non credo che questa roba sia così legale.

Cos'è Seatwave?

Seatwave è un sito in cui i fan possono acquista e vendi biglietti per concerti, teatro, sport, attrazioni ed eventi speciali e per qualsiasi altro tipo di evento dal vivo. Seatwave è stato creato da un gruppo di persone che credeva che l'acquisto biglietti e la vendita biglietti dovessero essere veramente facili e sicuri. Fino ad ora non è stato così, quindi abbiamo deciso di creare il luogo più sicuro al mondo per l'acquisto di biglietti per una vasta gamma di eventi. Siamo lieti che tu abbia visitato il sito Seatwave e speriamo di offrirti la migliore esperienza di compravendita.

23/ago/2009

Pagelle Inter-Bari (23-08-09)

Julio Cesar 6; l'unica volta che gli tirano in porta è un rigore in movimento, incolpevole e forse anche ignavo.
Maicon 5; come difensore oggi è pessimo ma però in attacco non fa neanche i cross.
Lucio 5,5; tecnicamente è fortissimo tanto che come difensore centrale sembra sprecato; coerente con questo pensiero, nel secondo tempo si lancia troppo in avanti lasciando clamorosi buchi alle sue spalle.
Materazzi 4,5; due interventi da rosso rimediando solo un giallo, in Iran tagliano le mani per molto meno.
Cordoba 6; Subentra a Matrix per ristabilire la parità numerica; vicino a lui sembra Gandhi in versione iper-buonista.
Zanetti 6; dopo tante partite da centrocampista sembra che abbia un po' dimenticato il ruolo di terzino; ma è un Fenomeno lo stesso e cerca anche il gol, peccato non gli aggradi tirare troppo forte, ma perchè è un animo sensibile.
Muntari 5; patisce il clima umido della Valpadana, lui originario di una terra fredda, e non ingrana.
Balotelli 6; tanti numeri, anche innovativi, ma nel Bari non ci sono dei gonzi bonzi.
Vieira 5; vorrebbe concedersi un pomeriggio di relax a risolvere i cruciverba della Settimana Enigmistica, e allora il Mou lo accontenta facendolo sedere comodamente in panchina.
Quaresma 6; uno dei migliori in campo, e questa la dice lunga sulla prestazione odierna della squadra; la prossima trivela pro cross inutile che farà non sarò l'unico a mandarlo a cagare.
Thiago Motta 6,5; attento, ordinato e pulito, peccato non veda ancora bene la porta avversaria.
Stankovic 6; considerando che doveva cambiare ruolo ogni 10 minuti, il fatto che non sia stato colpito da labirintite è un punto a suo favore.
Milito 5,5; normalmente i palloni gli arrivano e lui dovrebbe segnare ma oggi non è stato così; buona l'intesa con i compagni, soprattutto quelli con cui non comunica.
Eto'o 4,5; il sospetto che sia un Pancev coloured aleggia già su San Siro, se continua così finirà per fare la riserva di Suazo; il gol sbagliato nel secondo tempo non riduce le bestemmie.

Bici a Binasco

Lunghezza 45 km circa tutti pianeggianti e su strade asfaltate.
Dettaglio delle località attraversate: Assago - Buccinasco Castello - Gudo Gambaredo - Parazzolo - Santa Marta - Moirago - Badile - Binasco - Pasturano - Santa Corinna - Mairano - San Giacomo - San Pietro Cusico - San Novo - Gudo Gambaredo - Assago
Alcune notazioni:
  1. si supera la Tangenziale Ovest passando per il cimitero di Buccinasco, da quale un sottopasso porta a Buccinasco Castello;
  2. l'unica asperità del percorso è un Gran Premio della Montagna di quarta categoria in corrispondenza dello scavalcamento dell'autostrada A7 posto appena dopo la cascina di Santa Marta;
  3. due chilometri circa dopo Gudo, si incontra un monastero benedettino (Cascinazza) famoso per la produzione della birra artigianale secondo la regola trappista (che però non è venduta in loco);
  4. all'altezza di Badile la pista ciclabile asfaltata passa sul lato sinistro del naviglio;
  5. attenzione alla fine della pista ciclabile lungo il Naviglio Pavese, termina un chilometro prima di Binasco e per raggiungerlo si deve passare per la strada statale dei Giovi e un incasinato rondò;
  6. c'è un altro chilometro su strada abbastanza trafficata prima di Mairano;
  7. il tratto Pasturago-Santa Corinna, anch'esso su strada con automobili, si può evitare quando si è a Binasco dirigendosi direttamente verso S. Corinna;
  8. giunti a San Giacomo (frazione di Zibido San Giacomo) seguire le indicazioni per la pista ciclabile "Passeggiando sulle acque";
  9. da San Pietro Cusico ci sono due alternative per dirigersi verso Assago, prendere la strada sterrata che parte dall'oratorio della Chiesa oppure andare verso San Novo allungando il percorso ma evitando la scorciatoia con strada dissestata.
Notevole il castello visconteo di Binasco (che io peraltro non avevo mai visto prima di ieri). Dal sito della Provincia di Milano:
L'imponente castello domina la piazza principale dell'abitato. Edificato nel 1300 a protezione di Milano, presenta la caratteristica tipologia delle fortificazioni dell'epoca con fossato, pianta quadrangolare e torri angolari. Restaurato, oggi è sede degli uffici comunali. Fu teatro di una tragedia che vide coinvolti Filippo Maria Visconti e Beatrice di Tenda, sua sposa in seconde nozze. Dopo averla sposata il Visconti perdette presto ogni interesse per la moglie e la accusò di adulterio. Imprigionata con il presunto amante e condannata a morte dopo un sommario processo, fu decapitata nel cortile del castello nella notte del 13 settembre 1418. La vicenda è ricordata da una lapide posta all'interno del castello ed è stata immortalata da Vincenzo Bellini nell'opera "Beatrice di Tenda". Visualizza Giro bici 220809 in una mappa di dimensioni maggiori

Inter-Bari

Si sono fumati il cervello? Chi volesse acquistare il biglietto per la gara odierna o ritirare l'abbonamento, deve farlo entro le 17, cioè un'ora prima dell'inizio della partita. Prevedo grandi casini. (http://www.inter.it/aas/news/reader?N=45472&L=it)
Inter-Bari: ecco l'orario delle biglietterie
Sabato, 22 Agosto 2009 20:33:16

MILANO - Domani è il giorno: parte la Serie A 2009-2010. L'Inter affronta il Bari allo stadio "Giuseppe Meazza" in San Siro. Calcio d'inizio alle ore 18.

Per tutti coloro che volessero, invece, acquistare il biglietto per assistere alla gara in questione, le Biglietterie Nord e Sud saranno aperte dalle h 10 alle h 17.

In entrambi i casi, sia per la distribuzione degli abbonamenti che per l'acquisto dei tagliandi, le biglietterie chiuderanno alle ore 17.

I crimini dell'imperialismo italiano in Etiopia

Italiani brava - bravissima - gente, ma con i gas tossici. Negli anni Trenta rosolava gli africani direttamente a domicilio, ora invece li fa morire lentamente nel Mare Nostrum. E' questa la Civiltà?

21/ago/2009

Xenofobia 2.0

Nel giorno in cui 5 cittadini eritrei fuggiti dalla feroce dittatura del proprio Paese dopo un viaggio di 23 giorni in cui 73 dei loro compagni di viaggio hanno perso la vita prima di raggiungere l'Italia, nell'indifferenza delle imbarcazioni che hanno incrociato il loro gommone, leggo che la Lega Nord presenta su Facebook un'applicazione.
E' un gioco in cui lo scopo è respingere i clandestini prima che essi giungano sul suolo italiano. Abbiamo superato la xenofobia. Mi auguro che siano in tanti quelli che cliccando qui segnalino agli amministratori di sistema di FB l'inopportunità di promuovere un gioco dove la posta in gioco non sono i punti o i livelli ma la vita delle persone (il link di segnalazione è in basso a destra). Che, ad esempio, non fuggono dall'Eritrea e vengono a morire nel mar Mediterraneo per semplice turismo, o per il gusto masochista di fare un viaggio estremo.

Padania brothers

Aldo, Giovanni e Giacomo più Paolantoni e Beppe Signori.

MyAir, Volare e Alpi Eagles

Vincenzo Soddu ha calato il tris. Il brillante imprenditore è già alla terza compagnia aerea che non vola più. Con grandissima soddisfazione di creditori e clienti. Io lo farei almeno Cavaliere del Lavoro. Oppure lo costringerei ad una partnership con Todomondo.
Giovedì 23 Luglio 2009, 7:54

MyAir, Volare e Alpi Eagles. Tris di flop per una cordata

Anche MyAir rimane a terra. Ieri l'Enac, l'ente di aviazione civile, ha revocato alla compagnia aerea low cost la licenza provvisoria a partire dalla mezzanotte di oggi. La misura è arrivata dopo i numerosi disagi procurati ai passeggeri ed è stata motivata dalla mancanza di cassa per gestire l'operativo e dalla mancanza della preannunciata ricapitalizzazione che avrebbe dovuto far arrivare 50 milioni di euro. La sospensione può significare per MyAir il fallimento. Con questa vicenda, salgono a tre le compagnie aeree fondate da Vincenzo Soddu, imprenditore nuorese ed ex pilota delle Frecce tricolori, a smettere di volare. Le prime due sono state Volare e Alpi Eagles. http://it.biz.yahoo.com/23072009/57/myair-volare-alpi-eagles-tris-flop-per-cordata.html

20/ago/2009

Bidet

Questa canzone di Elio e le storie tese (un bootleg del 1987 registrato a Borgomanero) fuori dall'Italia non è una canzone satirica ma corrisponde abbastanza alla triste realtà igienica. Come fanno le donne a pulirsi quando hanno le loro cose? Si fanno la doccia tutte le volte? Rimangono zozze? E in caso di democratica dissenteria a spruzzo, si usano tre rotoli di carta igienica (limitando comunque il problema ma senza risolverlo)? Senza contare altre esigenze primarie. Sono misteri insoluti, che è meglio non approfondire.

Sicilia: la lobby meridionalista e lo spreco di risorse pubbliche

La Sicilia non è come le altre regioni italiane. Il regime a statuto speciale le consente privilegi feudali ingiustificati e ingiustificabili. Ecco due esempi tratti da quotidiani in uscita oggi. http://www.corriere.it/cronache/09_agosto_20/superenalotto_stell_c7af1558-8d49-11de-ac5b-00144f02aabc.shtml Prima il regalo di 140 milioni a Catania per tamponare la catastrofe finanziaria comu­nale... Poi i 180 milioni a fondo perduto per ripianare i debiti di Palermo... Poi il via libe­ra di Roberto Calderoli alla pretesa della Re­gione («o passa la norma, o facciamo saltare il tavolo», chiarì l’allora assessore al bilan­cio) di trattenere sull’isola il gettito delle acci­se sui prodotti petroliferi, cosa che per ora è sospesa ma garantirebbe alla Sicilia nuovi in­troiti per circa 8 miliardi l’anno... Poi lo sbloc­co dei famosi 4 miliardi di fondi Fas, sblocco deciso per arginare l’offensiva sul Partito del Sud ma non concesso alle altre regioni che reclamano lo stesso trattamento... Non sarà facile, per Raffaele Lombardo, spiegare ai suoi stessi colleghi perché la sua regione deve avere questo trattamento «spe­ciale ». http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=375207&START=1&2col= Misteri. Misteri di un mondo, quello dei Palazzi della Regione, che nella Sicilia del disagio e della disoccupazione, è rimasto come una sorta di riserva protetta, dove tutto, con regole autonome, è possibile. Un’oasi sproporzionata, quanto a numeri. Qualche cifra, giusto per capirci. I dirigenti della Regione siciliana sono 2.111, uno ogni 5,6 dipendenti a tempo indeterminato, che sono 13.986. Bene, se le regole vigenti nell’Isola della cuccagna fossero uguali a quello del resto della pubblica amministrazione - un dirigente ogni 50 dipendenti - i dirigenti, in tutto, dovrebbero essere 237. Dunque, ce ne sono 1.874 in più, mica un’inezia.

Trenitalia: ticketless quando paghi, melina quando devono rimborsarti

Trenitalia (ovvero FS, le Ferrovie dello Stato) simpaticamente consente per alcuni treni "veloci" l'emissione dei biglietti per il viaggio senza alcuna stampata delle ricevute di viaggio, e senza neanche recarsi alle biglietteria self-service poste presso le stazioni.
Bella roba: una volta a bordo del treno - con modalità ticket-less - mostri l'SMS che hai ricevuto a conferma del pagamento oppure detti il codice PNR al controllore e hai regolarizzato il viaggio.
Tutto semplice, per il viaggiatore e per il personale Trenitalia viaggiante.
Ma se un tuo ES City (un ex treno Intercity effettuato con materiale rotabile ETR 500, stessa durata del viaggio di un IC, ma maggiorato del 30%) viaggia con 60 minuti di ritardo, la semplificazione normativa si arena. Già il fatto che tra Cesena e Milano Centrale un treno superveloce faccia sette fermate fa un po' girare i maroni (che cazzo di senso ha usare locomotore e vagoni di ultima generazione per un treno che si ferma ogni 15 minuti) .
I soldi li prendono cash via carta di credito, ma il rimborso, in caso di conclamato ritardo, è assolutamente machiavellico. La procedura da seguire è chiaramente tesa a disincentivare il viaggiatore a chiedere il rimborso. Per chiedere il rimborso on line, sul sito di Trenitalia, bisogna aspettare 20 giorni, chissà poi per quale motivo tecnico. E poi se per caso TI decidesse che non è colpa loro, te saludi daneè.
Io credo che se ti pago subito dovresti rimborsarmi in maniera sincrona. E c'è anche di peggio: sui treni che operano su tratte internazionali, il rimborso NON è previsto. Così un viaggiatore del treno Cisalpino, convogli che si contraddistinguono per i fisiologici ritardi, non avrà mai riconosciuto alcun bonus di risarcimento neanche se il suo treno avesse accumulato 22 ore di ritardo.

19/ago/2009

Silvia Salis

Segnamoci questo nome e questo cognome.
Una lanciatrice del martello che partecipa ai campionati mondiali di Atletica TOPOLONA non si era mai vista.

MPS e tempo libero

Forse ho capito perché non riesco ad utilizzare la mia carta bancomat (pur avendo il conto corrente in un'altra filiale, vedi racconto) presso l'agenzia del Monte dei Paschi di Siena sita nel centro di Assago. Se tutti i dipendenti fanno come quello che ha raggiunto questo blog utilizzando la chiave di ricerca "voglio andare in ferie e non spendere un cazzo", ho scoperto l'arcano.

WeTrade

Un sito per operare in Borsa dovrebbe essere una cosa seria. E ad agosto non c'è mica il Carnevale. https://www.wetrade.it/investments/lentewetrade/

Due ruote pure in Svizzera

Il giro in bici in versione esportata, presso l'ostile Elvezia. Manco i manti stradali sconnessi e sterrati, e manco le salite ci hanno dissuaso dall'uso delle due ruote a trazione umana. Bel posto Zurigo-Zurich comunque, anche per andare in giro in bicicletta. Colà ci sono parecchi svizzeri tedeschi, ma è una locazione apprezzabile, ciononostante.
Visualizza Zurich 16-8-09 in una mappa di dimensioni maggiori

18/ago/2009

Ciao Fernanda

qua nessuno c'ha il libretto d'istruzioni credo che ognuno si faccia il giro come viene, a suo modo qua non c'è mai stato solo un mondo credo a quel tale che dice in giro che l'amore porta amore credo se ti serve, chiamami scemo ma io almeno credo se ti basta chiamami scemo che io almeno credo nel rumore di chi sa tacere che quando smetti di sperare

Addio a Fernanda Pivano celebrò la cultura «beat»

La scrittrice e giornalista Fernanda Pivano, testimone e cantrice della Beat generation si è spenta in una clinica privata di Milano, dove era ricoverata da tempo. I funerali si svolgeranno probabilmente venerdì prossimo, a Genova, dove era nata il 18 luglio 1917. La Pivano aveva da poco compiuto 92 anni e oltre un mese fa aveva consegnato a Bompiani la seconda parte della sua autobiografia.

05/ago/2009

Corazza: un cognome di qualità

Una Casa del Popolo e due sezioni del Partito Comunista Italiano.
fonte: http://www.manifestipolitici.it/

Don Giorgio

Non tutti i preti sono uguali: don Giorgio, per esempio, http://www.dongiorgio.it/primapagina.php.
Perché è uno dei rarissimi esempi di coerenza all'interno della Chiesa e nelle sue prediche si scaglia con fervore contro il berlusconismo e il leghismo illustrando ai fedeli perché si tratta, in modo inequivocabile, di movimenti politici incompatibili con il cristianesimo. Si scaglia contro la privatizzazione delle acque, si scaglia contro le guerre d'invasione, si scaglia contro il razzismo e la persecuzione degli immigrati. Ma non è mica un marxista o un "cattocomunista": è un prete cattolico 100%, semplicemente appartiene alla sempre più rara specie del cristianesimo sociale, quello per cui bisogna stare lontani dai palazzi del potere e del denaro e vicini ai derelitti della società. L'unico cristianesimo autentico per chi veramente veda in Cristo, al di là degli annunci ultraterreni, un grande esempio etico e filosofico. Tanto è diventato famoso questo parroco che alcuni giorni fa, e ve lo racconto io perché tanto ai tg non lo sentirete mai, mai e poi mai, il medico personale di Berlusconi dott.Zangrillo si è recato nella sua chiesa e, durante la comunione, fingendo di volersi accostare al sacramento, ha avvicinato Don Giorgio e gli ha urlato in faccia che è un TERRORISTA. Sgomento, Don Giorgio ha raccontato ai fedeli l'accaduto (anche perché se ne sono accorti in molti e c'era poco da nascondere) e ora ci racconta anche, sul suo sito, dei tentativi da parte della schifezza umana che tiene in vita il mostro di Arcore di ottenere punizioni esemplari da parte dei superiori ecclesiastici nei confronti di Don Giorgio. Vi consiglio di fare un giro sul suo sito, davvero interessante. Fossero così non dico tutti, ma almeno la metà dei preti, avrei molto più rispetto per la Chiesa.

Lancio della scarpa su G. Bush

Una GIF rielabora in stile World Of Warcraft un episodio di cronaca di pochi anni fa: (http://www.passionguild.com/album_mod/upload/...f.gif)

04/ago/2009

Noi si vale più di 4000 euro (mica cazzi)

Tra i siti di pseudomarketing, questo è uno dei migliori.
Attraverso numeri inventati appare facile produrre altri numeri inventati.

Blasfemia?

Questa è arte; come si dice, impara l'arte e mettila da parte.
-

Furbetti elvetici del quartierino?

Il mito della correttezza rosso-crociata incrinato? E pure quello dei treni svizzeri? Ho scoperto che acquistando un biglietto ferroviario tra Zurigo e Milano sul sito di Trenitalia e delle Ferrovie Federali Svizzere (SBB) c'è un prezzo diverso (a parità di tipologia di biglietto acquistato). Sul sito di Trenitalia la tratta costa € 58, mentre su quello delle SBB costa CHF 96, ovvero, applicando il tasso di cambio attuale, € 62,81. LA DIFFERENZA E' QUINDI DELL'8%: in presenza della stessa tariffa, della stessa classe, dello stesso giorno e dello stesso orario (e del medesimo treno, ovviamente). Non è spiegabile con l'applicazione di una costo aggiuntivo sulla transazione che converte il diverso valore delle due valute e neanche con il fatto che i due biglietti siano diversi. La spiegazione è quindi il fatto che gli svizzeri facciano pagare una commissione più alta per erogare il MEDESIMO SERVIZIO. Inoltre il treno CIS, in servizio tra Zurich e Milano e oggetto dell'acquisto di titolo di viaggio, è proprietà della società Cisalpino, le cui quote azionarie sono equamente divise al 50% tra Trenitalia e SBB. Le affermazioni di cui sopra sono comprovate dalle schermate del sito sbb.ch, trenitalia.com e yahoo.com (sul quale ho verificato il rapporto di cambio tra euro e franco svizzero).

03/ago/2009

SuperCoppa 2009: praticamente in casa del Fascio

Anche se non ci sono i tornelli, ancorchè fortemente voluti dalla dott.sa Melandri. Ma il PD è forse considerato troppo innovativo e libertario.

The eagle flies on Beijing

鹰翔北京

Informazioni utili e regole da seguire in occasione del match e Vs visita a Pechino.
1) Per entrare allo stadio: Solo possessori di regolare biglietto muniti di un documento valido. Ogni spettatore sara’ sottosposto a speciale controllo con metal detector insieme a borse , zaini e contenitori di qualsiasi genere.
2) Sono assolutamente proibiti tutti gli oggetti che possono arrecare danno a cose o persone quali armi, munizioni, bottiglie, coltelli di ogni genere, ombrelli o bastoni.
3) Sono vietati striscioni, bandiere , stendardi riportanti simboli politici o religiosi di qualsiasi genere.
Pechino consigli utili
1) Le autorita’ Cinesi invitano tutti i visitatori ad avere sempre un documento valido di riconoscimento , di avere a disposizione una copia di tutti i documenti in caso di smarrimento, furto per facilitare operazioni di denuncia.
2) Di mantenere un comportamento corretto ed evitare uso e abuso di alcol , droghe di ogni tipo, e atteggiamenti che possano risultare offensivi o pericolosi per la cittadinanza e contro le leggi dello Stato.
3) Di denunciare immediatamente alle autorita’ competenti qualsiasi comportamento da parte di commercianti, ristoratori o persone con intenzioni ritenuto fraudolento.
4) In caso di pericolo nello stadio o ovunque Vi troviate raccomandiamo sempre la massima calma e di rvolgervi alle autorita’ responsabili di proteggere la Vs incolumita’.
5) Vi ricordiamo cha alcune zone dello Stato Cinese sono vietate agli stranieri e di viaggiare solo con tour operator ufficiali.

Criminalità ed effetto annuncio

Dice bene il TGCOM. Per far percepire al cittadino teledipendente la diminuzione della criminalità, basta che i molteplici organi d'informazione del Regime propinino la Verità seconda la quale 4250 militari continueranno a tutelare la sicurezza nazionale.
Facendo esattamente quello che gli espertoni della finanza chiamano "EFFETTO ANNUNCIO". Non conta se l'informazione è vera o falsa, conta l'effetto amplificato indotto dalla medesima sul pubblico. Poi se la criminalità è più o meno forte dopo l'introduzione di un militare ogni due comuni italiani, l'importante è veicolare la notizia che si sta combattendo la delinquenza.

Effetto annuncio

Indica l'effetto prodotto sui mercati finanziari o su singoli titoli di una società dalla comunicazione di notizie riguardanti la situazione economica di un Paese le strategie e gli obiettivi della politica economica o le previsioni riguardanti l'andamento della società stessa.

E' Tuborg, ma non è birra...

In tutto il mondo (credo) una lattina verde con scritto "TUBORG" è sinonimo di birra.
Dappertutto ma non in Grecia, dove all'associazione di questo nome e di questo prodotto corrisponde una SODA (ovvero acqua minerale naturale addizionata con anidride carbonica, acqua gassata insomma).
Colpa dell'ellenicissima birra Mithos, i cui colori "sociali" sono verdi anch'essi?

Elisabetta Canalis

Elisabetta Canalis, Marco Mazzoli, Fabio Alisei e Paolo Noise. Non la solita intervista patinata e compassata alla Fabio Fazio, ma domande inusuali controcorrente rispetto al paludato mondo dello spettacolo.

02/ago/2009

Turismo biciclista nel Parco Agricolo Sud Milano

Quello qui proposto è uno degli itinerari più belli per visitare questa area a Sud e si snoda attraverso otto comuni. Poco stancante, in strade poco/nulla trafficate da automobili (in generale, non perchè adesso sia agosto), con pochi chilometri in sterrato (ma non serve la mountain bike). I dettagli sono nella mappa alla fine del post.
Assago - Buccinasco Castello - Gudo Gambaredo - San Pietro Cusico - Barate - Noviglio - Mairano - San Giacomo - San Pietro Cusico - Gudo Gambaredo - Buccinasco Castello - Assago (40 km circa)
I punti di interesse sono costituiti soprattutto dalla pace della campagna, in cui solo in lontananza si intravedono i palazzoni della Città, animata da uccelli, leprotti e - ahimè - anche nutrie.
Si parte da Assago per raggiungere la zona adiacente al cimitero di Buccinasco dalla quale un sottopasso ciclopedonale (da notare la marcita con tre fontanili) consente di superare le otto corsie della Tangenziale Ovest. Si arriva a Buccinasco Castello, lo si supera per dirigersi verso Gudo Gambaredo lasciando alla propria destra il laghetto di Santa Maria.
A Gudo, all'altezza della Trattoria Santoro (non credete ai messaggi che dicono che lì si cucinano rane e pesciolini fritti, li troverete solo prenotando prima, e comunque non vale la pena spendere un pranzo in questo posto) si gira a destra; dopo circa 700 metri si supera una sbarra tendenzialmente chiusa (ma aggirabile scendendo dal mezzo) e ci si dirige verso San Pietro Cusico (nel cortile dell'oratorio della chiesa c'è una prima fontanella per abbeverarsi).
Si esce dal paese seguendo le indicazioni di colore marrone per il Naviglio Grande immettendosi nella pista ciclabile denominata "Camminando sull'acqua". Dopo un paio di chilometri seguire per Tainate. Alla seconda indicazione per questa frazione, non girare per Tainate bensì nel senso opposto.
Giunti a Barate di Gaggiano (due ristoranti ma nessuno meritevole di menzione), girare a sinistra in direzione Binasco, Noviglio, Santa Corinna. Passati Noviglio e Mairano, prendere la stradina sterrata parallela alla statale sempre in direzione Binasco. Dopo un chilometro circa girare a sinistra in direzione Cascina Fenegro raggiunta dopo tre chilometri di strada sterrata.
Qui si possono comprare i genuini prodotti dell'azienda agricola, senza sovraccaricare troppo la bici ovviamente.
Dopo qualche chilometro in direzione Zibido San Giacomo c'è un'altra azienda agricola: la Zipo della Cascina Grande. E' un derby gastronomico scegliere dove comprare questi prodotti "a chilometri zero" perchè prodotti nello stesso posto dove vengono venduti...
Dato che ormai tendenzialmente uno ha fame, da San Giacomo si prende la ciclabile direzione San Pietro dove si può scegliere tra due trattorie di indubbio valore.
Per i più fighetti l'Osterietta, per quelli un po' più sgrausi l'Isola Felice (sono tutte e due in paese vicino all'edicola): ieri all'Isola Felice mi sono preso un ottimo fritto di paranza, la mia compagna invece si è "accontentata" di una burrata con zucchine pastellate come contorno. Con acqua, mezzo vino, pane, coperto e due caffè € 30 di conto, un ottimo rapporto qualità prezzo, direi.
Da San Pietro si riprende a ritroso la via dell'andata. D'obbligo è la sosta alla Casa dell'Acqua di Assago per riequilibrare i sali minerali persi nella pedalata...
MAPPA:
Visualizza Giro bici 01-08-09 in una mappa di dimensioni maggiori

Bologna 2 agosto 1980

Il 2 agosto 1980, alle ore 10,25, una bomba esplose nella sala d'aspetto di seconda classe della stazione di Bologna. Lo scoppio fu violentissimo, provocò il crollo soccorsidelle strutture sovrastanti le sale d'aspetto di prima e seconda classe dove si trovavano gli uffici dell'azienda di ristorazione Cigar e di circa 30 metri di pensilina. L'esplosione investì anche il treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario. Il soffio arroventato prodotto da una miscela di tritolo e T4 tranciò i destini di persone provenienti da 50 città diverse italiane e straniere. Il bilancio finale fu di 85 morti e 200 feriti. (testimonianze di Biacchesi e da "Il giorno") La violenza colpì alla cieca cancellando a casaccio vite, sogni, speranze.