sabato 31 gennaio 2009

I giornali di Tiziana Maiolo

Tiziana Maiolo (neo assessore al comune di Buccinasco) ha appena ottenuto che lo stesso comune le finanzi per il 2009 l'acquisto dei quotidiani. La delibera è stata regolarmente approvata, qui c'è il testo integrale: 
per l'acquisto di quotidiani da parte dell'Assessore Maiolo, l'emissione di un mandato di pagamento per la somma di € 1.440,00, corrispondente a 12 mensilità, intestato all'Economo comunale con quietanza allo stesso, al cui esaurimento l'Economo presenterà regolare rendiconto, mediante imputazione al cap. 4000006 delle P.D.G. del corrente bilancio di previsione; 
La signora Maiolo peraltro non è indigente: nel 2005 ha dichiarato al fisco € 152.432 (quasi 300 milioni di lire del vecchio conio, fonte Il Giornale). 
Ma è normale tutto ciò? Secondo lo stesso Rino Pruiti no, e neanche secondo me, e infatti scrive:
Solo un piccola considerazione personale; nei miei cinque anni da Assessore a Buccinasco non ho mai chiesto nessun rimborso per NULLAnon esiste un solo scontrino, un giustificativo o altro intestato al sottoscritto. Usavo la mia macchina, il mio tempo e ADDIRITTURA MI COMPRAVO I GIORNALI E LE CARAMELLE CON I MIEI SOLDI !!!

Scaricare musica da YouTube

Esiste un programmino per scaricare musica da YouTube convertendola in formato .mp3 (o in qualsiasi altro formato audio o video desiderato).
Evidentemente è reato fare un uso del file scaricato diverso da quello indicato nel disclaimer a piè pagina*.
Il programma è scaricabile gratuitamente da qua.
*Only for private and personal use, because is absolutely forbidden redistribute the content in other formats/media according to the politics on each site.

venerdì 30 gennaio 2009

Meani Santo Subito

Leonardo Meani non c'entrava nulla con Moggiopoli, o almeno secondo chi lo scagiona: lo dice quell'uomo probo di Paparesta.
Paparesta ha spiegato la telefonata all'addetto agli arbitri del Milan, Leonardo Meani: «Io sono un cittadino italiano e un commercialista, prima che un arbitro. Dopo aver appreso la notizia, durante il mio lavoro di revisore dei conti, di una possibile procedura d'infrazione contro l'Italia da parte dell'Unione Europea per violazione delle norme sul protocollo di Kyoto in relazione alle energie alternative, ne ho parlato col Meani visto che il presidente del Milan e' anche il premier italiano».
L'esempio di rettitudine di Paparesta non va lasciato isolato. Se lui che era commercialista ha voluto esporsi in prima persona per salvare il premier italiano dalle infrazioni sulle emissioni ambientali (qualcuno, che non conosce l'ambito professionale dei commercialisti, potrebbe obiettare che Kyoto non c'entra una beata fava con tasse e tributi, ma sarebbe in malafede), domani mattina chiamo uno di Mediaset a caso e gli dico che la frase del premier - nonchè Presidente del Consiglio: «Ci vorrebbero tanto soldati quante sono le belle ragazze italiane e credo che non ce la faremmo mai» riferita agli stupri (benchè poi "rettificata") non è stata un'uscita felice. Lavoro nel marketing, sicchè ho il dovere di chiamare chicchesia su questi temi.  

Notizie di reato inventate

Manco i giudici sembravano credere alle incapacità palesate dall'ex allenatore dell'Inter nella scorsa stagione (a onor del vero, in quella gara l'Inter pagò anche la serie impressionante di infortuni). A cercare reati (e soprattutto a cercare per forza dei giudici che cercavano certi reati) è ovviamente Il Giornale, quotidiano di proprietà della famiglia Berlusconi (è un caso che i mezzi di informazione che egli controlla cerchino sempre marcio che coinvolga la prima squadra di Milano). Tutta la notizia è riportata in questo articolo. E' interessante questo passaggio: Effettivamente, anche a leggere il resoconto del quotidiano, le presunte prove a carico dei nerazzurri appaiono piuttosto deboli, concentrandosi soprattutto sulle scelte di formazione dell'allenatore Mancini. Nel mirino ci sarebbero in particolare il fatto che Ibrahimovic è rientrato solo nell'ultimo spezzone dell'ultima partita, che Balotelli è rimasto fuori e il rigore tirato, e sbagliato, da Materazzi anzichè dallo specialista Cruz contro il Siena. Errori che tra l'altro il tecnico ha pagato con l'esonero anticipato. La gara casalinga contro il Siena, penultima di campionato, è stata eloquente.

Scrupoli

---------- Initial Header ----------- From : Bomba To : fcoraz Cc : Date : Fri, 30 Jan 2009 09:01:46 +0100 Subject : io > Ciao, > > ....ho dimenticato a casa il cellulare... > > > Baci! > > Fede > ---------- Initial Header ----------- From : fcoraz To : Bomba Cc : Date : Fri, 30 Jan 2009 11:42:57 +0100 Subject : Re:io Speriamo non l'abbia usato la Moldava. ciao fc

mercoledì 28 gennaio 2009

Crisi Inter a Catania

E' proprio CRISI INTER.
Solo tre gol segnati dai nerazzurri negli ultimi 180 minuti (e solo uno nei secondi tempi).
Sudditanza psicologica dell'arbitro Rocchi: solo rosso diretto per Muntari per un non-fallo; la Piazza chiedeva la fucilazione sul posto ma lo stadio Massimino non è risultato dotato di un muro idoneo.
Tre giornate di squalifica a Balotelli: non ha onorato come dovuto la famiglia di Gastaldello.
Maicon-Santon: secondo il MilanLab avere i due terzini con il cognome in rima aiuta ad avere un +8 di distanza; gli osservatori bilanisti cercano un terzino che faccia rima con Favalli.  Al setaccio le Residenze Anni Azzurri.
Quant'è difficile non perdere a Udine quando la squadra friulana aveva fatto tre punti nelle ultime undici partite?
BB?ilan 1 Genoa 1: ma vuoi mettere vedere la soddisfazione di una porno-spice-star che segna per la tua squadra. 

Vodafone, l'ambiente e l'inquinamento elettromagnetico da cellulari

Vodafone è una multinazionale attenta al marketing e quindi alle tematiche sociali. Vive la stessa situazione di altre aziende della telefonia mobile, nè più nè meno. Ma da poco nella sua
home page ha inserito un link denominato "My Future" che porta ad una bella sezione dove si parla di "Elettromagnetismo". In questa parte del sito si dice che: L'Organizzazione Mondiale della Sanita', e tutte le piu' recenti revisioni della letteratura scientifica, hanno ribadito che non c'e' nessuna evidenza di danni alla salute causati da esposizioni ai campi elettromagnetici a radio frequenza di debole intensita', come quelli emessi dei telefoni cellulari o dalle loro stazioni radio base. Nonostante questo, esiste una diffusa preoccupazione legata agli effetti dei campi elettromagnetici: per rispondere a questa preoccupazione e alle esigenze di trasparenza espresse dai nostri stakeholder, questa sezione del nostro sito riporta i risultati delle ultime ricerche scientifiche disponibili, il punto di vista dei principali enti internazionali, nonche' alcune informazioni sul funzionamento delle reti di telefonia mobile, e sulle procedure di Vodafone Italia per garantire che i nostri telefoni e le nostre stazioni radio base rispettino le normative nazionali ed internazionali.
E dire che già nel 1997 si parlava di:
Domanda 7 Che rischi di inquinamento elettromagnetico si accompagnano al fenomeno della telefonia cellulare? Risposta Alcuni studi documentano che utilizzare un telefonino cellulare per oltre cinque minuti porti al cervello un surriscaldamento di almeno un grado; va da sé che tale surriscaldamento sia un processo innaturale, che ripetuto più volte al giorno, come spesso avviene per chi vi lavora, potrebbe portare delle conseguenze dannose alla salute. Ma non si pensi che il problema della telefonia cellulare sia derivante solo dall'uso dei telefonini; alcune aziende stanno già predisponendo di apparecchi sempre migliori, sempre più sofisticati. Il problema dell'inquinamento della telefonia cellulare è derivante anche dalla distribuzione del sistema di antenne necessario per la telefonia cellulare; essa non funziona via cavo. D'altra parte, basta guardarsi in giro, per vedere, nella propria città, con il naso all'aria, ripetitori che sino a ieri non si vedevano: sono dei ripetitori circolari con delle specie di antenne che sembrano le vecchie casse degli impianti stereo; quelle sono le antenne predisposte per la telefonia cellulare; e si pensi che anche per la telefonia cellulare esiste un rischio di pericolosità analogo a quello delle altre frequenze. Si tratta, comunque, di surriscaldamento a lungo periodo, con il rischio di cancro, leucemie e quant'altro. Domanda 8 Nel settore della telefonia cellulare c'è la tendenza, da parte dei gestori, a sminuire i danni provocati dalla telefonia mobile... Risposta Basti pensare che nei libretti illustrativi delle avvertenze, il produttore, quando parla degli effetti sulla salute, dice che l'apparecchio è "idoneo all'uso". La formula non vuol dire assolutamente niente, "idoneo all'uso" non vuol dire che non fa male, vuol dire che si può telefonare, si può ricevere. D'altra parte, la telefonia cellulare è in assoluta espansione, in questo momento, in Italia; ma si pensa che anche in altre parti del mondo ci sarà un espansione simile a quella che si sta verificando in Italia, e per un uso non necessariamente professionale. La più grande azienda produttrice di telefonini mobili, la "Motorola", si sta preoccupando molto di svolgere indagini, anche mediche, per verificare le possibilità (e la realtà) di rischio del telefono cellulare, e, certamente, l'interesse di questa azienda è verificare che non sia dannoso! Tuttavia, i produttori della telefonia cellulare sono molto allertati.
Però Vodafone si fa pubblicità (o "Comunicazione Istituzionale") sul Verde: è come se la Nestlè pubblicizzasse i prodotti biologici o la Coca-Cola le libertà sindacali. Edit: ecco cosa dice la World Health Organization - WHO/OMS (pag.5):
The evidence available does not provide a clear pattern to support an association between exposure to RF and microwave radiation from mobile phones and direct effects on health (such as increasing the risk of cancer). However, the quality of this research and the relatively short-term data do not allow ruling out adverse effects on health completely. In other words, the absence of evidence of detrimental effects on health associated with mobile phone use is not evidence of absence of such effects. At the moment, it is impossible to state that exposure to RF or microwave radiation (even below the permitted levels) does not have adverse effects on the health of the general population. The current evidence, however, does suggest that if there is a risk, it is small. Therefore, a precautionary approach (as recommended by the EU (21)) to the use of this communication technology should be adopted until more scientific evidence on effects on health becomes available.

martedì 27 gennaio 2009

Addio a Mino Reitano

La notizia mi intristisce. senza retorica.

..............................................................................................................

ERA MALATO DA TEMPO. AVEVA 64 ANNI. I FUNERALI GIOVEDÌ

Addio a Mino Reitano

Si è spento nella sua abitazione di Agrate Brianza, dopo una lunga malattia. Il ricordo dei colleghi

MILANO - È morto nella sua casa di Agrate Brianza, in provincia di Monza, il cantante Mino Reitano. Reitano, 64 anni, malato da due anni, era stato sottoposto a un intervento chirurgico un anno e mezzo fa e anche nello scorso novembre. Fino alla fine è stato assistito dalla moglie Patrizia e dalla figlia Giuseppina Elena. Nato a Fiumara, in provincia di Reggio Calabria, nel 1944, conquistò il successo nel 1968 con «Avevo un cuore (che ti amava tanto)» e «Una chitarra cento illusioni». Con i proventi di queste prime canzoni acquistò un lotto di terreno ad Agrate Brianza dove costruì «Reitanopoli», un ranch in piena Brianza in cui si stabilì con la famiglia. I funerali del cantante, che lascia anche un'altra figlia, Grazia Benedetta, si svolgeranno giovedì alle 15 nella chiesa di Agrate Brianza.

Arance della salute

Sabato 31 gennaio l'AIRC raccoglie fondi vendendo delle arance. La lista delle piazze dove verranno vendute è qua. L'iniziativa è meritoria anche se i testimonial della lodevole iniziativa potrebbero dissuadere il processo di acquisto.

lunedì 26 gennaio 2009

Ritratto di famiglia

Dai Geni di Antimilan.it

Il palloncino

I controlli alcolmetrici sono un incubo per l'automobilista che non disdegna il consumo di vino durante i pasti. E' giusto quindi conoscere i limiti oltre i quali NON bisogna spingersi se dopo la cena egli deve guidare per tornare a casa propria.
Una persona di sesso maschile del peso di 75 kg può tranquillamente bersi a pasto (quindi a stomaco pieno) tre bicchieri di vino di 12 gradi senza incorrere nell'infrazione dei limiti imposti dalla legge in materia di guida in stato di ebbrezza (alcolica), addirittura ne potrebbe bere quattro ma è meglio non rischiare... perché le sanzioni non sono soft.
Premesso che è SOPRATUTTO vero anche che:
Non esistono livelli di consumo alcolico sicuri alla guida.
Il comportamento più sicuro per prevenire un incidente alcol correlato è di evitare di consumare bevande alcoliche se ci si deve porre alla guida di un qualunque tipo di veicolo.

Aiutiamo quest'uomo

Dovremo contribuire tutti a fornire aiuto economico al Santo Padre "come segno di sollecitudine del Successore di Pietro per le molteplici necessità della Chiesa universale e per le opere di carità in favore dei bisognosi".
Chissà in quale delle due categoria rientra la decisione di Ratzinger di revocare la scomunica ad un vescovo negazionista dell'Olocausto, ovvero uno che dice che le camere a gas naziste, dove hanno perso la vita qualche milione di ebrei, non sono
mai esistite. Notevole il tempismo della decisione: proprio nella settimana del GIORNO DELLA MEMORIA: La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Io li darei lo stesso i soldi al successore di Pietro, ma la pagina per la donazione on line mi dice che il sito non è affidabile per ragioni di sicurezza (vedi seconda immagine sottostante). Probabilmente il mio browser è - inspiegabilmente - anticlericale.

«Il trasferimento al City? Chiedo a Dio»

Campioni & Religione

E Ibrahimovic punge Kakà «Il trasferimento al City? Chiedo a Dio»

Veleno dell'interista sulla trattativa che ha coinvolto il brasiliano e gli sceicchi

ROMA - Scherza coi fanti e lascia stare i Santi. Di certo non è un proverbio svedese. Sarà per questo che Ibrahimovic, adorato come una divinità e osannato quasi fosse un idolo dagli interisti, ha fatto riferimento a Dio, in una battuta pungente diretta al rivale-collega Kakà. Anche da spettatore Ibrahimovic fa parlare di sè. Lo svedese, sabato al Meazza per assistere a Inter- Sampdoria, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ad un giornalista Sky: «Come mi comporterei se dovesse venire a cercarmi il Manchester City? Non lo so, dovrei chiamare Dio per saperlo».

(Ansa)
(Ansa)
KAKA' - Il riferimento neanche troppo velato è al milanista Kakà, che ha raccontato di «aver parlato con Dio» dopo aver ricevuto l'offerta del club inglese di proprietà dello sceicco di Abu Dhabi. «Dio mi ha indicato la via. Resta al Milan», ha svelato dopo la trattativa il brasiliano, atleta di Cristo. «In questi giorni - ha proseguito Kakà al Times - ho pregato molto per capire cosa dovevo fare, e da Dio mi è venuta un'indicazione».

fonte Corriere.it

domenica 25 gennaio 2009

Casa Samp

Non so se porti bene prima della partita di oggi...
GIORNATA TIPICA IN DELEGAZIONE 
ORE 7.00: Suona la sveglia a casa Mazzarri. 
ORE 7.01: Suona la sveglia del castoro in testa a Mazzarri. 
ORE 9.00: Marotta chiama il Milan, vuole Kakà e Pato in prestito gratuito. Galliani chiama la neuro. 
ORE 9.30: Il presidente Garrone strappa un accordo di mercato: assicurazione annuale per il pullman sociale in cambio della tibia destra di Palombo. 
ORE 9.45: Arriva a Bogliasco l'analista di Gastaldello, che non ha superato lo shock Milito. 
ORE 9.50: Campagnaro s'infortuna firmando un autografo. 
ORE 9.51: Mazzarri incolpa il castoro per l'accaduto. 
ORE 9.55: Marotta chiama la Juve proponendo lo scambio Marilungo/Amauri. Secco chiama la neuro. 
ORE 10.00: Gastaldello sente parlare argentino ed entra a gamba tesa su Campagnaro che telefonava ai parenti. Fuori 2 mesi. 
ORE 10.30: Inizia l'allenamento. 
ORE 10.35: Delvecchio completa prima di tutti il giro di campo e chiede un aumento di stipendio. 
ORE 10.36: Garrone cede ad una finanziaria il lobo destro di Palombo e lo accontenta. 
ORE 10.40: Allenamento, tiri verso la porta di Castellazzi. In mezz'ora segna solo Fornaroli, ma viene annullato per fuorigioco. 
ORE 10.41: Mazzarri da la colpa ad Al Qaeda. 
ORE 11.00: Garrone scarica qualche scarto di raffineria nei calzettoni di Sammarco. 
ORE 11.01: Sammarco aumenta di valore del 35%. 
ORE 11.02: Marotta tenta di vendere Sammarco. 
ORE 12.00: Fine allenamento. 
ORE 12.30: Pranzo. 
ORE 12.35: Delvecchio vince la gara di rutti e chiede un aumento. 
ORE 12.36: Garrone vende la macchina di Palombo e glielo concede. 
ORE 12.50: Prima brioche della giornata per Cassano. 
ORE 13.00: Suona la sveglia a casa Cassano. 
ORE 13.05: Cassano chiama Mazzarri avvisandolo che arriverà tardi al campo perchè in Tv c'è lo speciale di "Uomini e Donne". 
ORE 13.06: Mazzarri chiede la traduzione della telefonata al castoro. 
ORE 13.07: Mazzarri capisce e incolpa Mediaset per l'accaduto. 
ORE 14.00: Fornaroli e Marilungo giocano a PES, l'uruguagio segna ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Altafini dallo schermo lo prende per il culo. 
ORE 14.01: Fornaroli si imbottisce di esplosivo e minaccia di farsi saltare se non verrà abolita la regola del fuorigioco. 
ORE 14.30: Summit di mercato in casa Samp, si punta a Montella. Problemi per il trasferimento della salma da Roma a Genova. 
ORE 14.45: Arriva a Bogliasco il nuovo acquisto Pazzini, tutti i compagni lo salutano tranne Bellucci che gli buca le gomme. 
ORE 15.00: Inizia l'allenamento. 
ORE 15.15: Cassano arriva all'allenamento, si sistema a bordo campo e prende per il culo i compagni che corrono. 
ORE 15.30: Marotta chiama la Roma tentando di scambiare la bestia con il castoro di Mazzarri. Pradè chiama la neuro. 
ORE 15.31: Mazzarri si offende e da la colpa al caldo. 
ORE 15.45: Facendo stretching Campagnaro si procura una distorsione alla caviglia, fuori 3 mesi. 
ORE 15.46: Mazzarri incolpa il mago Otelma per l'accaduto. 
ORE 16.45: Campagnaro sale in macchina e mette una cassetta di tango, Gastaldello gli riga la fiancata. 
ORE 16.46: Mazzarri incolpa l'umidità per l'accaduto. 
ORE 16.50: Garrone scarica qualche scarto di raffineria nel 
borsone di Dessena. 
ORE 16.51: Marotta chiama l'Inter per acquistare la comproprietà di Ibrahimovic in cambio del borsone di Dessena. Moratti ci pensa. 
ORE 19.00: Il cuoco prepara l'asado, Gastaldello inizia lo sciopero della fame. 
ORE 19.01: Garrone si complimenta con Gastaldello per il risparmio economico che la società avrà grazie alla sua decisione. 
ORE 20.00: Cena, Cassano non riesce a mangiare. Mazzarri gli spiega che deve togliere la mano davanti alla bocca. 
ORE 20.05: Bellucci tenta di avvelenare la cena di Pazzini. 
ORE 20.06: Campagnaro fa il burlone e ruba il piatto a Pazzini. 
ORE 20.25: Campagnaro in viaggio verso il San Martino, con la lavanda gastrica ha finito la collezione e può richiedere il cofanetto completo del Dottor House. 
ORE 20.30: Dopo primo, secondo frutta e caffè Cassano si complimenta con il cuoco per la qualità degli antipasti. 
ORE 20.31: Marotta spiega a Cassano che la cena è finita. Crisi di pianto e maglietta lanciata in faccia a Campagnaro: frattura del setto nasale, 1 mese di prognosi. 
ORE 21.00: Campagnaro arriva al San Martino e si fa mettere i punti sulla tessera fedeltà. E'arrivato al bonus, ha una frattura in omaggio. 
ORE 20.30: Esce il 22 sulla ruota di Genova, Gastaldello viene colto da labirintite. 
ORE 22.00: Garrone tenta di vendere Palombo a tranci al mercato del pesce. 
Luogo: DISCARICA DI BOGLIASCO

sabato 24 gennaio 2009

Risiko in Palestina

Questa immagine spiega più di ogni analisi politica l'invasione della Striscia di Gaza da parte di Israele... 
(fontenonmiricordo)

venerdì 23 gennaio 2009

Nessuna vergogna

Treni Alt(r)a Velocità Va bene il Pendolino a Roma in 3 ore ... ma i pendolari quand'eravate al Governo voi Democratici non esistevano ancora? Li hanno inventati quelli del Partito delle Libertà?

Che il Tempo si adegui

Sul sito ufficiale dell'Inter si dice che in questo momento a Milano ci sono 2°C di temperatura e piove. Visto che credo fermamente nel dogma dell'infallibilità dell'idea interista e che il nostro sito non abbia alcun interesse a comunicare informazioni non corrette (per la storia di probità che ci caratterizza, e non solo per confronto alla tradizioni truffaldine della maggior parte degli altri club della Serie A), sono convinto che inizierà a piovere da subito. Altrimenti c'è qualche dio che sta sbagliando e non ha avuto voglia di fare piovere.
Edit: Il Tempo si è adeguato. Empio io a dubitare del Dogma.

giovedì 22 gennaio 2009

75 anni dalla morte di Lenin

Nel giorno del 75° anniversario della scomparsa di LENIN, pare giusto ricordarlo citando le parole con cui comincia il primo capitolo de "Il Manifesto del Partito Comunista", scritto nel 1848 da Marx ed Engels ma a cui lo statista russo si è profondamente e pragmaticamente ispirato.

La storia di ogni società esistita fino a questo momento, è storia di lotte di classi.

Liberi e schiavi, patrizi e plebei, baroni e servi della gleba, membri delle corporazioni e garzoni, in breve, oppressori e oppressi, furono continuamente in reciproco contrasto, e condussero una lotta ininterrotta, ora latente ora aperta; lotta che ogni volta è finita o con una trasformazione rivoluzionaria di tutta la società o con la comune rovina delle classi in lotta.

Nelle epoche passate della storia troviamo quasi dappertutto una completa articolazione della società in differenti ordini, una molteplice graduazione delle posizioni sociali. In Roma antica abbiamo patrizi, cavalieri, plebei, schiavi; nel medioevo signori feudali, vassalli, membri delle corporazioni, garzoni, servi della gleba, e, per di più, anche particolari graduazioni in quasi ognuna di queste classi.

La società civile moderna, sorta dal tramonto della società feudale, non ha eliminato gli antagonismi fra le classi. Essa ha soltanto sostituito alle antiche, nuove classi, nuove condizioni di oppressione, nuove forme di lotta.

La nostra epoca, l'epoca della borghesia, si distingue però dalle altre per aver semplificato gli antagonismi di classe. L'intera società si va scindendo sempre più in due grandi campi nemici, in due grandi classi direttamente contrapposte l'una all'altra: borghesia e proletariato.