04 novembre 2008

Licio Gelli in TV

Non capisco lo stupore per Licio Gelli che su Odeon TV conduce una sua trasmissione televisiva. Pure Famiglia Cristiana che si lamenta. Non era mica iscritto anche Berlusconi Silvio (tessera numero 1816) a quella Loggia del Leopardo? Silvio, quello che poi ha fatto carriera con le televisioni? Ma perchè Gelli e la Loggia P2 sono così invisi? http://www.stragi.it/index.php?pagina=vicenda&par=p2

03 novembre 2008

Il soggiorno obbligato e l'esportazione della 'ndrangheta

Geniale l'invenzione del soggiorno obbligato. Ha consentito l'insediamento delle organizzazioni camorriste anche in luoghi prima immacolati. Queste sono le conseguenze: http://www.piazzadibuccinasco.it/public/post/arrestati-8-affiliatti-alla-cosca-barbaro-papalia-458.asp http://milano.cronacaqui.it/news-a-buccinasco-la-ndrangheta-ce_1484.html E questa la genesi: E se oggi ci ritroviamo in questa situazione lo dobbiamo, ma non solo, alla legge sul confino degli anni Settanta". Fu in quegli anni che molti dei capicosca della Calabria vennero trasferiti al Nord in soggiorno obbligato; si calcola che nell' hinterland milanese arrivarono 700 personaggi della malavita http://archiviostorico.corriere.it/1993/ottobre/26/Corsico_Buccinasco_Stato_reciti_mea_co_2_9310261882.shtml

Chi non ci mette la faccia è un cornuto

http://www.airc.it/giornata-ricerca-cancro/mettici-la-faccia.asp

Forme di vita spontanee sul balcone

Non solo c'è una pianta (viva, e questo è già un elemento di novità) ma spontaneamente sono sorti anche dei funghi. Incredibile miracolo per il pollice "verde" della Bomba.

02 novembre 2008

Milan-Napoli in diretta streaming (commento di Caressa da Sky)

Hamilton vince, con il regalo di Glock

Ma regalo fino ad un certo punto. Gazzetta.it aveva segnalato qualcosa che poteva cambiare le carte in tavola. 67° giro - Tutto ancora aperto perché Glock non si è fermato e Hamilton ha Vettel alle spalle. Certo il tifoso medio della Formula1, che è l'italiano medio pirla (evidentemente quindi fanatico della Ferrari, e quindi di Felipe Massa), avrà qualcosa da ridire. Ma l'italiano medio pilota e teledipendente è un pirla, si sapeva già. Appunto.

01 novembre 2008

Il mio olio è diverso, ed è meglio del vostro

E´ pronto l'olio nuovo, extra vergine di oliva, anno 2008.

Una novità: la molitura di parte delle olive quest´anno è avvenuta in un frantoio con macine in pietra. Il procedimento è sempre unicamente meccanico, a basse temperature.

La spremitura a freddo come sapete consente all'olio di preservare una maggiore complessità organolettica, a beneficio di olfatto e palato!

Il risultato è come sempre soddisfacente e la bassa acidità, inferiore allo 0,3%, è indice di ottima qualità.

Per preservare al meglio l'integrità dei frutti ed evitare l´inizio dell'ossidazione, la raccolta delle olive è avvenuta tramite brucatura, raccolta manuale che prevede unicamente l´ausilio di piccoli rastrelli di plastica, di reti e di scale.

Le olive raccolte, unicamente dalla piante e mai da terra, sono state selezionate e portate al frantoio in tempi rapidi.

Lo stoccaggio e la conservazione dell´olio, in attesa dell´imbottigliamento, è avvenuto in fusti di acciaio inox.

Le varietà di olive utilizzate, cultivar locali, sono la Nocellara del Belice, la Biancolilla, la Cerasuola e la Giarraffa.

L´imbottigliamento avverrà in bottiglie da 0,75Lt in vetro scuro, tappo a vite e salvagoccia.

I Tamarri e l'892424

30 ottobre 2008

Le tre "I" di Maria Stella Gelmini

Il Ministro dell'Istruzione ha le idee chiare sul futuro delle scuole e delle università italiane. I cardini del suo pensiero sono le tre I:
Inglese Internet Io ho fatto l'esame di abilitazione all'albo degli avvocati a Reggio Calabria
Spiega il ministro dell'Istruzione: «Molti ragazzi andavano lì e abbiamo deciso di farlo anche noi». Del resto, aggiunge, lei ha «una lunga consuetudine con il Sud. Una parte della mia famiglia ha parenti in Cilento». Certo, è a quasi cinquecento chilometri da Reggio. Ma sempre Mezzogiorno è. E l'esame? Com'è stato l'esame? «Assolutamente regolare». Non severissimo, diciamo, neppure in quella sessione. Quasi 57% di ammessi agli orali. Il doppio che a Roma o a Milano. Quasi il triplo che a Brescia. Dietro soltanto la solita Catanzaro, Caltanissetta, Salerno. Così facevan tutti, dice Mariastella Gelmini. Da oggi, dopo la scoperta che anche lei si è infilata tra i furbetti che cercavano l'esame facile, le sarà però un po' più difficile invocare il ripristino del merito, della severità, dell'importanza educativa di una scuola che sappia farsi rispettare. Tutte battaglie giuste. Giustissime. Ma anche chi condivide le scelte sul grembiule, sul sette in condotta, sull'imposizione dell'educazione civica e perfino sulla necessità di mettere mano con coraggio alla scuola a partire da quella meridionale, non può che chiedersi: non sarebbero battaglie meno difficili se perfino chi le ingaggia non avesse cercato la scorciatoia facile?
http://www.corriere.it/cronache/08_settembre_04/stella_dbaef098-7a47-11dd-a3dd-00144f02aabc.shtml

Società di telecomunicazioni ai danni dei consumatori

L’Antitrust ha deliberato una sanzione totale da 1,16 milioni di euro per pratiche commerciali scorrette nei confronti di cinque società di telecomunicazione tra cui Telecom Italia (315.000 euro), Vodafone Omnitel (285.000 euro), Wind (265.000 euro), H3G (180.000 euro) e Neomobile (150.000 euro).

Così Reuters. La multa sarebbe relativa a tutti quei maledetti servizi che vendono suonerieMai. nascondendo tra le righe il fatto che ci si abbona ad un invio particolarmente oneroso e ripetuto nel tempo. Mai che siano chiare le condizioni di adesione.

In particolare veniva attribuita enfasi alla gratuità degli Sms e alla possibilità di ricevere una suoneria gratis, omettendo che si trattava di abbonamento a un servizio di ricezione di contenuti multimediali, riportato in una nota di carattere e grafica sproporzionate rispetto al messaggio pubblicitario.

Il valore delle multe non è certo destinato a cambiare il comportamento delle aziende sotto accusa (peraltro l’elenco risulta ancora incompleto, si spera che l’antitrust non abbia già iniziato a brindare e che continui invece alacremente il proprio lavoro): per dirla alla Quintarelli, per carpire il reale valore della multa lo si dovrebbe confrontare con una situazione alla portata, direttamente comprensibile. Dunque:

La solita persona che avesse guadagnato 30.000 euro/anno sarebbe stata sanzionata per 2,6 euro nel caso di H3G, 1,5 euro nel caso di Wind, 1,4 euro nel caso di Vodafone e 0,4 euro nel caso di Telecom Italia

Non è infatti la prima multa di questo tipo ad essere comminata, e ciò nonostante le pratiche scorrette continuano senza problemi. Un consiglio all’antitrust: se la patente a punti deve essere un principio accettato, allora si adoperi medesimo sistema per questo tipo di aziende. Così, come un improvvido autista che supera i 20 punti di penale concessi, ad un certo punto anche Telecom, Wind, Vodafone e compagnia bella rimarranno senza patente e saranno magari costrette a piangere una volta tanto i propri errori.

Fonte: http://blog.webnews.it/30/10/2008/se-ti-multano-di-1-euro-per-divieto-di-sosta-dove-parcheggi-la-prossima-volta/

29 ottobre 2008

Il dilemma del prigioniero e l'omicidio di Meredith

Questi qui non sanno cos'è il DILEMMA DEL PRIGIONIERO, infatti si accusano fra di loro. Quando sarebbe stato più saggio da parte loro stare zitti. Anche per motivi di dignità, visti i capi d'accusa per cui sono indagati.

Delitto di Perugia, 30 anni a Rudy Rinvio a giudizio per Amanda e Raffaele

La decisione del gup Paolo Micheli. L'ivoriano giudicato con rito abbreviato, processo per gli altri due

Immaginate che Carlo e Luigi, due criminali complici in un reato grave, vengano catturati subito dopo il fatto e vengano rinchiusi in due stanze separate per essere interrogati. I due complici non hanno avuto il tempo di accordarsi ed ora si trovano di fronte ad un grosso dilemma: collaborare o non collaborare con la giustizia? Carlo conferisce con il proprio avvocato, che gli chiarisce la sua posizione legale: - se tradisse Luigi e collaborasse, Carlo verrebbe messo in libertà e Luigi verrebbe condannato a 6 anni di reclusione; - se però anche Luigi decidesse di collaborare, la pena verrebbe dimezzata ad entrambi a 3 anni di reclusione; - se al contrario Carlo decidesse di NON collaborare, potrebbe essere condannato ad 1 solo anno insieme a Luigi qualora anche quest'ultimo non collaborasse (perché il processo diverrebbe indiziario e quindi con pene ridotte) oppure potrebbe essere condannato a 6 anni se Luigi lo tradisse e collaborasse per essere scarcerato. Sapendo che Carlo e Luigi sono in una situazione di incertezza sul reciproco comportamento, cosa decidereste di fare se voi foste Carlo? E cosa fareste se invece foste Luigi? In entrambi i casi, cercate di motivare la vostra scelta prima di leggere la soluzione del dilemma.


SOLUZIONE La soluzione al dilemma potrebbe risultarvi strana: entrambi i prigionieri collaboreranno con la giustizia, confessando la colpevolezza del complice e venendo così condannati a 3 anni ciascuno. Dimostriamo il perché di tale comportamento. Supponiamo di essere Carlo e che Luigi decida di non collaborare: in questo caso a noi converrà invece collaborare, ottenendo così la libertà (6 L. ; 0 C.). Se però Luigi decidesse di collaborare, noi non negheremmo perché altrimenti finiremmo in prigione per sei anni regalando a lui la libertà (0 L. ; 6 C.), quindi non ci resterebbe altro da fare che collaborare (3 L. ; 3 C.). In entrambi i casi quindi Carlo deciderà di collaborare, ma questo ragionamento vale anche per Luigi perché, essendo nella sua stessa condizione di incertezza, effettuerà le stesse scelte. Il problema dei due prigionieri è che non possono coordinare le loro decisioni: se potessero fidarsi l'uno dell'altro, ne ricaverebbero un vantaggio comune. Essi però sono portati a tradirsi per ricercare di massimizzare il proprio vantaggio personale, tendenza che li porta ad una situazione "non ottima" con una condanna a 3 anni di reclusione (ovviamente in celle separate). La situazione è illustrata nella seguente tabella
CARLO
COLLABORARENON COLLABORARE
LUIGICOLLABORARE3 L. ; 3 C.0 L. ; 6 C.
NON COLLABORARE6 L. ; 0 C.1 L. ; 1 C.

Primi su Google

E' con sommo gaudio che comunico che questo blog è al primo posto su Google per questa ricerca. Sono soddisfazioni.

28 ottobre 2008

La Croce Rossa e Ponte Lambro

La Croce Rossa nella sua storia è sempre stata rispettata, in qualsiasi luogo e in qualsiasi tempo. C'è anche il modo di dire "sparare sulla Croce Rossa" per significare il massimo rispetto dovuto a questa istituzione composta di persone buone e indifese. Solo fino ad oggi a Ponte Lambro, ridente quartiere della periferia orientale di Milano.

27 ottobre 2008

Eccesso di democrazia

Questi due articoli della Costituzione della Repubblica Italiana sono stati interpretati dai rappresentanti di questo partito dell'Alto Adige - SudTirol in maniera troppo estensiva. Oppure i "discriminati" discriminano i "discriminatori".

Art. 5.

La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento.

Art. 6.

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

Il link al sito del partito è questo: http://www.die-freiheitlichen.com/ Sono contento di non conoscere il tedesco.

26 ottobre 2008

Inter-Genoa: le pagelle

Julio Cesar 7: Nel complesso è poco impegnato. Salva il risultato al minuto 94 sulla punizione di Motta. Sampdoriano.

Maicon 5,5: Spinge poco e rilancia ancora meno. Trova una traversa genoana fortunosa su una deviazione. Rischia anche il rosso diretto. Umano.

Burdisso n.g.: Gioca tutta la gara ma si nota solo per un suo classico fallaccio nel secondo tempo. Fantasma.

Cordoba 6,5: I lenti attaccanti rossoblu esaltano le sue doti di velocista. Bravo anche nel sudoku e nella parole crociate a schema libero. Polivalente.

Chivu 5: Non è un terzino e si vede. Se non aveva voglia di giocare poteva dirlo prima della partita. Asfittico.

Zanetti 6 (di stima): Gioca al posto di Cambiasso senza dettare i ritmi del gioco. O forse è il gioco che non trova lui. Santo.

Stankovic 5: Sembra uno che si è perso in mezzo alla taiga e vaga quindi per il campo alla ricerca di una dacia. Non la trova.

Muntari 5: Finché che c'è da zappare gli avversari va bene, ma è meno bravo nella regia del gioco.

dal 55' Cruz 5: Senza un ruolo non riesce a esprimersi. Al contrario della Fenech in "Cornetti alla crema". Rimandato.

Quaresma 4: Inutile come il solito. Induce spesso all'impropero anche gli avversari. Irritante.

dal 46' Obinna 4,5: Se sei egoista, segni e ti chiami Ibracadabra va anche bene, se sei solo egoista devi farti un abbonamento in Tribuna Rossa perché il campo non lo vedi più neanche dalla panchina. Egocentrico.

Ibrahimovic 6: Tanto movimento per nulla. Come organizzare un'orgia dimenticando di invitare qualcuno. Incompiuto.

Adriano 5: E' tornato in versione paracarro. Forse Mourinho questa settimana gli ha telefonato poco. Isolato.

dal 46' Balotelli 5: Dà ragione all'allenatore che finora lo ha schierato poco. Si impegna ma non serve. Sterile.

Mourinho 5,5: La prima vera "stecca" del portoghese a San Siro. Avrà capito che 4 attaccanti non fanno un reparto senza i cross e gli assist. Iracondo.

24 ottobre 2008

Meraviglia

Il Milan, annunciando il prossimo tesseramento di David Beckham, sta continuando nel suo incredibile piano di marketing e patologia calcistica, alla ricerca della squadra perfetta sotto ogni punto di vista: sportivo, mediatico e medico. Per quanto possa sembrare pazzesco, la società rossonera non ha nessuna intenzione di fermarsi all'acquisto di Beckham, ma progetta per i prossimi mesi altri colpi clamorosi. Vediamoli insieme, amici.

Dino Zoff. Alla ricerca di una valida alternativa per l'estremo difensore, maglia per la quale sono attualmente in lizza uno spilungone australiano, un cascatore brasiliano e un neofascista padano, la società rossonera sta pensando seriamente a una soluzione a effetto. Zoff è un atleta esemplare, un grande interprete del ruolo e un personaggio trasversalmente gradito a tutti gli sportivi. I 66 anni, dice Galliani, sono soltanto un particolare. L'Uomo proiettile. Dopo Pendolino Cafu e Brucomela Ba, il Milan cerca da tempo un uomo di fascia che attizzi i cuori dei tifosi rossoneri. La fortunata sinergia con il Circo Medrano sta permettendo di concretizzare un ingaggio che potrebbe risolvere uno dei tanti problemi di Ancelotti. Con l'Uomo proiettile le discese sulla fascia diventerebbero assolutamente incontrastabili. Milan Lab sta ora studiando il modo per consentirgli di fermarsi prima della riga di fondo e, soprattutto, del cemento armato del primo anello. Romario. In un attacco stellare come quello che sta assemblando il Milan, difficile prescindere da una presenza di peso ed esperienza come quella di Romario, ideale completamento della linea avanzata che Ancelotti, inseguendo il sogno del Ka-Pa-Ro-Be-In-She-Bor, conta di schierare con un agile 2-1-7. Romario è felicissimo del contatto: ha segnato almeno un gol nei campionati più bislacchi del mondo, ma l'Italia gli manca. Johnny Depp. Per riequilibrare l'ingaggio di Beckham (calciatore figo con moglie figa), Galliani sta pensando di ingaggiare Johnny Depp (superfigo) a prescindere se sappia giocare a pallone o no. Johnny Depp si è detto disponibile: ha espresso una preferenza per l'attacco, ma Ancelotti gli ha fatto sapere che non ha ancora studiato bene l'1-1-8. Per cui è più plausibile pensare a un suo impiego in difesa, a fianco di Maldini e come alternativa a Costacurta e Malatrasi. Depp vorrebbe giocare vestito come in Pirati dei Caraibi. La richiesta è all'esame della Lega.
La Donna barbuta. L'ipotesi è più che concreta: Braida ha strappato alla Donna barbuta un precontratto che è stato depositato in Lega ieri pomeriggio verso le cinque. C'è però un grosso problema: la Donna barbuta è una donna, appunto, e non può essere schierata nel calcio maschile (Ancelotti ne ha preso atto con disappunto, vedendo nella Donna barbuta una valida alternativa a Gattuso). Galliani sta quindi pensando di riciclarla come donna immagine della società al posto di Suma. Digao. Oltre a ogni possibile fantasia, pare che il Milan abbia contattato il fratello di Kakà e lo abbia effettivamente ingaggiato in gran segreto. Ma a una stronzata del genere non credono nemmeno i milanisti. Igor Cassina. Manca l'uomo delle acrobazie in area, dice Ancelotti. In effetti Pippo e Sheva sono anziani, Kakà e Beckham non si vogliono sporcare, Ronaldinho ha altri cazzi per la testa e Borriello sta aspettando il ritorno di Belen. Braida è così corso a ingaggiare Igor Cassina, che nell'accettare ha chiesto che in occasione dei corner venga montata una sbarra all'altezza dell'area piccola. La Fifa non è d'accordo, la Lega ha detto che se ne può parlare nell'obiettivo comune di riportare le famiglie allo stadio. Gigi Crujiff. Nipote di Johann e cugino di secondo grado di Jordi, ha il fisico attuale dello zio e il talento pregresso del cugino. Cioè, è una fetecchia. Ma il Milan è lanciatissimo nel merchandising e vuole tornare a penetrare il mercato olandese, così come una volta lo penetravano Gullit e Rijkaard. L'operazione è ricca di suggestioni, sebbene Gino abbia di fatto smesso di giocare a pallone in terza media per passare al poker hold'em e sia attualmente ricercato dall'Interpol. Buzz Lightyear. Ancelotti ha eccepito alcune perplessità circa il modulo tattico del Milan con l'arrivo di Sheva, Dinho e Becky. Galliani ha minimizzato, ma nella notte ha iniziato a correre ai ripari cercando un uomo ovunque che possa lavorare al servizio delle stelle. Ricevuto il cortese ma secco rifiuto di Superman, Batman e Paperinik, nelle ultime ore si sta profilando il clamoroso ingaggio di Buzz Lightyear, il cui agente ha dichiarato: "La Pixar non ha in programma Toy Story 3, per cui può benissimo andare al Milan". Mauro Suma ha fatto notare che il suo motto, "Verso l'infinito, e oltre", va benissimo anche per le strategie rossonere.
Fonte

Roberto Saviano, ti invito una sera di queste a cena

Duecentomila persone hanno firmato sul sito di Repubblica per portare la solidarietà allo scrittore Roberto Saviano. Questa è la parte finale dell'appello: La libertà nella sicurezza di Saviano riguarda noi tutti, come cittadini. Con questa firma vogliamo farcene carico, impegnando noi stessi mentre chiamiamo lo Stato alla sua responsabilità, perché è intollerabile che tutto questo possa accadere in Europa e nel 2008. Però è troppo comodo limitare il proprio impegno civile ad una rapida firmetta e al veder ingrossare la lista dei cittadini buoni che difendono la legalità e la democrazia. Per far vivere lo Stato non basta sottoscrivere frasi come questa, una bella frase ma astratta: Lo Stato deve fare ogni sforzo per proteggerlo e per sconfiggere la camorra. Perchè lo Stato siamo noi, lo Stato non è un canale televisivo da osservare passivamente.
Per questo dico: per dimostrare che la gente comune non ti è solidale solo a parole, ti invito a mangiare a casa mia. Io non ho letto il tuo libro, ma si può anche parlare d'altro. Menu non troppo impegnativo: mia moglie cucinerà le crepe e come secondo una bella orata (non di allevamento) al cartoccio con le patate. Che il vino lo porti te però. A presto.

23 ottobre 2008

Da Superpippo a Superpippa

Stasera Samp e Milan, una partita 20 euro. Calcio a luci rosse. Verso la fine del secondo tempo di Napoli-Juventus, in sovrimpressione su Sky appare la scritta ”cartellino rosso”. Non era l’annuncio di un’espulsione sfuggita ai più, ma quello di un film erotico che sarebbe andato in onda in seconda serata su Sky cinema. Per la cronaca, ”Quell’età maliziosa”, con una giovanissima Gloria Guida.

L’abbinamento col sesso è l’ultima frontiera del calcio in tv. Del resto, i diritti di Heereven-Milan, incontro di Coppa Uefa in programma giovedì sera, sono stati acquistati dal canale di film per adulti ”Conto tv” che, tanto perché vi possiate regolare, fino a qualche anno fa si chiamava ”Superpippa Channel”, ed ha già trasmesso Napoli-Benfica. A proposito di richiami erotici del pallone: Ilaria D’Amico ieri forse ha esagerato un po’ con quella scollatura a strapiombo che tagliava in due la sua blusa verde. Penetrazioni a San Siro. Carlo Pellegati è un vate. Nel collegamento per ”Guida al Campionato”, Italia uno, un paio d’ore prima della partita Milan Sampdoria, ha fatto sapere a tutti: «Il penetrometro del terreno di San Siro ha indicato tre e mezzo». Quelli della Samp ne sanno qualcosa. La maglia di Totti a Mourinho. Scambio di complimenti fra Totti e Mourinho, alla ”Domenica Sportiva”: Francesco: «Stimo il mister e gli ho stretto la mano prima del match. Era troppo facile farlo dopo». José: «Quando vieni su mi proti una maglia per mio figlio?». Totti: «Gliela mando subito». E’ lunedì? Sarà Galliani. Adriano Galliani a Sky Calcio Show: «Sconcerti, tu ci prendi spessissimo. Te lo dico sempre ogni volta che ti chiamo il lunedì mattina». La Juve in Blanc. Arriva in macchina l’amministratore delegato della Juventus, per anadre a un vertice tra società e giocatori, dopo la batosta del San Paolo. Abbassa il finestrino e dice: «La fiducia si dà una volta, non c’è bisogno di confermarla». Ranieri resterà dunque in eterno alla guida della Juve? Il Napoli ringrazia Calciopoli. De Laurentiis a ”Stadio Sprint”: «Dopo Calciopoli s’è ritrovata la serenità e c’è spazio per tutti». Le ammonizioni di Pallonet. Giallo a Enrico Varriale, per aver detto «Allegri oggi è allegro, concedetemi questo abbinamento». In passato, già Saverio Montingelli aveva ironizzato sul cognome dell’allenatore del Cagliari. E se lo lasciassimo in pace? Richiamo verbale a Giampiero Galeazzi, che ha scomodato ancora una volta la supercitata frase di Sandro Ciotti del 1961: «Clamoroso al Cibali». Coppa Brunetta. Seedorf ieri in testa alla Coppa Brunetta ideata da Gene Gnocchi per il calciatore più fannullone, davanti a Carrozzieri, Coda e Knezevic.

Fonte

22 ottobre 2008

La Brigliadori, l'arte e l'urinoterapia

Le tre parole del titolo possono apparire non connesse fra loro. E invece no. E' Eleonora Brigliadori che le unisce. L'estate scorsa ebbe la grandiosa idea di dipingere di blu una roccia di una scogliera, con questi esiti. Non è da tutti scovare una roccia a forma di fallo e dipingerla di blu. Ma è ancora meno comune bere la propria urina per curare i malanni di stagione. (Nell'immagine in fondo alcuni produttori di urina mentre disperdono l'utile bevanda)
Eleonora Brigliadori, dal salotto buono del "Maurizio Costanzo Show", due anni or sono, ha invitato gli italiani a bere la pipì per curare ogni male, come fanno lei e tutta la sua famiglia. La Brigliadori, in più d'una occasione, ha approfittato per sbandierare gli effetti benefici della cura. 28 settembre 2001

La Brigliadori: «Pago un risarcimento per lo scoglio dipinto di blu a Portobello»

L'attrice denunciata nell'agosto 2007 per danni alle bellezze naturali: lei voleva lasciare un ricordo artistico

Eleonora Brigliadori (Lapresse)
OLBIA - L'anno scorso, in vacanza a Portobello in Sardegna, Eleonora Brigliadori ha deciso di lasciare un segno del proprio passaggio dipingendo un pezzo di scogliera con tre tonalità di azzurro. L'opera, da lei stessa definita «installazione removibile», rappresenterebbe un angelo (guarda). Ma la sensibilità artistica dell'attrice non è stata compresa né tantomeno apprezzata dalla popolazione di Aglientu, che l'ha denunciata per «danneggiamento e deturpamento delle bellezze naturali». Ai verbali della polizia municipale si sono aggiunti poi quelli del Corpo forestale. Ora la Brigliadori, che rischia una multa fino a 10 mila euro, si è offerta di pagare un risarcimento.

21 ottobre 2008

Quasi quasi mi sbattezzerei

Perchè ci sarebbero una serie di buone ragioni. Ma se lo facessi gli darei importanza. Cosa che non ha, a meno di non dare importanza ad un bagnetto fuori da casa per un neonato inconsapevole. In ogni caso, per gli interessati: http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo/
  • PPS (per MS Powerpoint), 430 Kb
  • PDF (per Adobe Reader), 490 Kb
  • SWF (Flash, da aprire in un browser), 480 Kb

Segnali autostradali

20 ottobre 2008

Assurdità del capitalismo

La Banca dei Paesi Bassi ING è in difficoltà. Allora lo Stato nederlandese la aiuta. E il titolo schizza in Borsa quasi del 30%. Questo perché la società si trovava in difficoltà e allora aveva bisogno di aiuto. Non si capisce l'ammontare del finanziamento ricevuto, ma si parla di 20 miliardi di euro (suddivisi con altri eventuali istituti di credito che necessitassero di aiuto). Nei Paesi Bassi sono 16 milioni i cittadini: praticamente € 1250 a testa. E poi da noi qualcuno si lamenta di Alitalia, che costa - da solo qualche lustro - la miseria di miseri due milioni di euro di misere perdite al giorno. Il BelPaese non è l'unico posto al mondo dove le perdite delle società private vengono socializzate mentre i profitti mantenuti privati.

Le banche italiane

Il signor Fcoraz va in banca perché deve comprarsi casa e gli servono dei soldi in prestito. Fcoraz: Buongiorno BANCA: Buongiorno Dottor FC FC: Vorrei un mutuo B: Benissimo, per quale importo? FC: Centomila euro B: Molto bene, possiede € 200.000? FC: Come scusi? B: Mi scusi, chiedevo se Lei avesse € 200.000? FC: Mi ha preso per un idiota? B: No, ma non capisco la sua domanda. FC: Secondo te (cara la mia banca di merda) se avevo il doppio della cifra che possedevo ti chiedevo quella cifra? B: Ma a noi serve per l'ipoteca. Se le diamo 100, vogliamo 200 come garanzia, è la regola. Certo, a me rompono la minkia per il mutuo e poi prendono obbligazioni di aziende farlocche (come le loro). Tanto i fratelli Lehmann (parenti forse dell'ex prodigioso portiere del Bilan) danno più garanzie di me. Ma andate a cacare.

18 ottobre 2008

David Beckham

Continua la sagra dei giocatori finiti che chiedono di prolungare la propria carriera nel cimitero degli elefanti dell'AC Milan. E' il turno di David Beckham. Una volta gli ex campioni finivano al Cosmos o in qualche squadra araba, ora invece c'è il Pio Albergo Trivulzio di Milanello. Ed è la società che li ospita che paga la retta (ingaggio), non viceversa. Ultim'ora: "Già vendute 18,000 maglie di Ronaldinho" L'attaccamento ai colori sociali rossoneri non ha confini di peso. Tutti i bilanisti o sono obesi oppure amano vestire largo. E' il fascino della taglia XXXL di Obesinho.

Ha ragione

17 ottobre 2008

Cosa sta facendo Alvaro "Chino" Recoba?

E' in Grecia, nella patria del collega Zeus e delle Olimpiadi, a dare spettacolo, come sempre.
Intanto l'ex interista ha già incantato in una partitella d'allenamento, realizzando un gol da 60 metri che ha ricordato molto quello segnato contro l'Empoli in maglia nerazzurra. http://www.sportal.it/news/news188623.html

16 ottobre 2008

La Via dei Tubi

ESCURSIONISMO ALTERNATIVO
tubi portofino Lungo il percorso dell'acqua, attraverso cunicoli e strapiombi. È l'acquedotto del Parco di Portofino che da San Fruttuoso arriva a Camogli
Forse è questa una delle escursioni più entusiasmanti nel circondario di Genova: un sentiero davvero spettacolare, nel Parco Regionale di Portofino, grazie al quale i visitatori ripercorrono l'antico tracciato dell'acquedotto, risalente alla fine dell'ottocento. L'acqua per gli abitanti di Camogli veniva prelevata sopra San Fruttuoso e portata a valle in una condotta di cemento che fa lo slalom tra la macchia mediterranea e le grandi rocce di conglomerato, entra in anguste gallerie bucando le creste delle montagne e passa vicino ai bunker tedeschi di 60 anni fa. E' un sentiero che richiede una buona forma fisica ed un certo impegno, oltre a calzoni lunghi ed una torcia elettrica affidabile. Non ci sono grandi dislivelli ma è meglio non soffrire di vertigini, ne di claustrofobia. Un parte del tracciato prevede infatti tratti a strapiombo (con catene a cui aggrapparsi) e l'attraversamento degli stretti tunnel dell'acquedotto. Il punto di partenza è Pietre Strette, raggiungibile da Portofino Vetta, presso l'Albergo Kulm. Nel bosco seguite per San Fruttuoso, lungo un itinerario ben segnalato. Dopo una ventina di minuti, quando la vegetazione comincia a diradarsi per fare spazio alla macchia, prendete la deviazioni sulla destra, ben visibile, che taglia in costa la montagna, puntando verso Camogli. Dopo qualche passo comincerete a vedere il tubo, un cilindro di cemento largo una trentina di centimetri interrato nel suolo. In alcuni punti è danneggiato ma dentro scorre ancora l'acqua. Sulla sinistra il panorama regala magnifici scorci sulla macchia mediterranea e sulla baia sottostante con l'Abbazia. Dopo mezz'oretta trovate la prima galleria. Non spaventatevi ed entrate, è lunga circa duecento metri (stima poco affidabile...) ma le curve impediscono di vedere l'uscita. All'interno non è raro trovare rospi, girini e pipistrelli in cerca di un luogo umido e riparato. Non puntate torce potenti contro questi ultimi per evitare di disturbarli e farli volare via subito (se accadesse, sappiate che NON si impigliano nei vostri capelli!). Poco più avanti altre due gallerie (più brevi) ed una scala a pioli in metallo vi attendono per portarvi nella parte più selvaggia e stupefacente del Parco, sopra la tutelatissima Cala dell'Oro. A volte il sentiero sembra scomparire tra le vegetazione, ma poi il tubo ricompare, puntando perso Est. In un ora e mezza sarete in prossimità del complesso di bunker tedeschi più vasto ed inaccessibile. Adesso non vi resta che scendere verso le Batterie. A dire il vero sulla carta è segnalata una deviazione che riporta verso Pietre Strette, ma non sono riuscito a individuarla. Così ho percorso il sentiero fino a San Rocco di Camogli per poi risalire su asfalto fino a Portofino Vetta. In totale è meglio aspettarsi 4-5 ore di cammino e un dislivello in salita modesto, attorno ai 250 metri (la risalita a Portofino Vetta). Capisco che il percorso tortuoso, difficile da seguire con precipizi, cunicoli e pipistrelli possa tenere alla larga molti gitanti. Il metodo migliore per sperimentarne almeno una parte è contattare l'Ente Parco (Viale Rainusso 1, Santa Margherita Ligure, tel. 0185 289479 fax 0185 285706 - apertura in orario d'ufficio) per il calendario delle escursioni previste con guida al seguito (prenotate almeno 3 giorni prima). Se siete un certo numero, almeno 5-6, potete anche richiedere il supporto di una guida per organizzare il vostro tour privato.

14 ottobre 2008

Tornelli, tortelli e ritornelli

Da oggi tornelli e badge anche a Palazzo Chigi
Il ministro: «In tre mesi assenteismo per malattia ridotto del 50%»
«Al Sud c'è laBrunetta e i tornelli a Palazzo Chigi metà della produttività rispetto al Nord» ROMA (13 ottobre) - Tornelli attivi per l'entrata e l'uscita dei dipendenti anche a Palazzo Chigi da questa mattina. Intanto il ministro Brunetta annuncia il progetto di mobilità formativa nella Pubblica Amministrazione: Erasmus di massa per i dipendenti. E fa un quadro sulla situazione della P.A. ribadendo che negli ultimi tre mesi l'assenteismo per malattia si è ridotto del 50%, che su base annua si traduce in 60.000 persone in più al lavoro. Tornelli a Palazzo Chigi. All'ingresso principale del Palazzo per aprire le porte di vetro dirigenti, funzionari e impiegati dovranno utilizzare l'apposito badge. Ad inaugurare i nuovi varchi il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta che parla di «vittoria». «Non era mai successo - ha detto - nella storia di Palazzo Chigi che ci fossero i controli in entrata e in uscita per i dipendenti». Lo strumento«servirà a garantire più produttività, più presenza e soprattutto più servizi ai cittadini».

Poste Italiane e il phishing: Premio Fedeltà

Il phishing è un tecnica usata da alcuni truffatori per rubare le credenziali di accesso ai conti correnti bancari on line (approfondimento). Quest'ultima truffa, utilizzando falsamente i servizi telematici delle Poste, rappresenta un'evoluzione: richiede login e password per accedere al mio account poste.it, con la "promessa" di versare sul mio conto € 150, tolto un euro di commissione. C'è qualche particolare che dovrebbe indurre l'internauta a non farsi infinocchiare: i problemi ortografici ("comissioni"), il fatto che il dominio su cui effettuare la transazione non è www.poste.it. Senza contare che un premio fedeltà non esiste proprio.

13 ottobre 2008

Chichén Itzá

Una delle sette meraviglie del Mondo moderno. Sulla parte sinistra della mappa, con forma rettangolare, si nota uno stadio Giuseppe Meazza ante litteram. E' il luogo dove da piccoli Paolo Maldini e Giuseppe Favalli hanno imparato, si fa per dire, a giocare a calcio. Malgrado questo, il sito è Patrimonio UNESCO dell'Umanità.

12 ottobre 2008

La Lega Nazionale Pallacanestro spara i risultati ad minchiam?

Così sembrerebbe, se nella giornata 3 del girone A della Serie C1 l'Ebro Basket ha perso e loro scrivono che ha vinto, invertendo il risultato finale peraltro. Oltre il danno, la beffa.
Edit. Si sono degnati di correggere. http://cdil.webpont.com/

Uragano Obinna

Il nostro sesto attaccante, riserva delle riserve, abbatte la Sierra Leone. Ognuno tragga le proprie conclusioni.
[FOTO Sabato, 11 Ottobre 2008 21:35:27]

ABUJA - La Nigeria di Victor Obinna ha sconfitto 4-1 la Sierra Leone in una gara valida per il gruppo 4 africano di qualificazione al Mondiale 2010. L'attaccante nerazzurro, sul risultato di 1-1, ha portato in vantaggio la sua nazionale che poi ha dilagato. Obinna è stato utilizzato per 68'.

11 ottobre 2008

Sportweek e l'uomo nudo

Sportweek è l'inserto del sabato della Gazza. Secondo RCS, che è l'editore, l'86% dei suoi lettori è di sesso maschile. E allora perchè in copertina nel numero odierno c'è uno sconosciuto nudo?
Il profilo dei lettori
.000 % comp. I.C.
Totale 1.510 100 100
Sesso
Maschio 1.304 86,4 179
Femmina 206 13,6 26

09 ottobre 2008

Papa sex

Il suddetto articolo è stato pubblicato sul numero di Vanity Fair in edicola da ieri: questa rivista, che ha allietato più di una mia seduta sul cesso, alla fine non è scritta male, pur essendo una pubblicazione patinata con target il mondo delle "casalinghe intellettuali" ospitando alcuni personaggi intelligenti come il Pino Corrias che ha scritto il pezzo sotto riportato. Lo stesso Pino Corrias, tra l'altro, che ha scritto la sceneggiatura di alcune pregevoli edizioni di Distretto di Polizia (quelle con Tirabassi e Memphis, in cui i testi erano scritti anche da Marcello Fois e Gabriele Romagnoli) lontane dal pattume di quelle in onda in questa stagione televisiva.
Vignetta di NatangeloVanity Fair, 8 ottobre 2008 Papa Ratzinger ha 80 anni compiuti. Non c’è da stupirsi se non trascorre giorno - ora che purtroppo ha alle spalle l’intera vita trascorsa presumibilmente illibata - senza che in nome e per conto di Dio si occupi di sesso. Il sesso degli uomini che lo inquieta. Il sesso delle donne che ha solo immaginato. Il sesso dei riti coniugali che non conosce. La purezza opposta al sesso. La procreazione opposta al piacere. Lo spavento per l’omosessualità, la masturbazione, la pornografia. Una vera ossessione. L’ultima è che “la contraccezione nega il significato stesso del matrimonio”. La pienezza dell’amore, dice il Papa, non ammette preservativi, pillole o il diaframma, anche se è disposto a chiudere un occhio sul calcolo delle ovulazioni Ogino Knaus. Come se il Dio universale si occupasse di frugare in ogni letto, quando cala la sera, per controllarne il candore o l’impudicizia, la regolarità delle intenzioni e dei metodi, proprio come facevano le nonne di casa Gozzano, ignare anche loro di quanta impudicizia e di quante irregolarità si nutra l’amore. Quello che fa sorridere, di quei risibili precetti è il tono altisonante con cui vengono pronunciati dai tempi dell’Humanae Vitae. Le sedi pomposamente dorate. Le circostanze rituali che li accompagnano, ermellini, pergamene, scarpini di seta. La convinzione che siano destinati a un gregge di quadrupedi e non a una contemporanea società di donne e uomini consapevolmente adulti. Ma se uno considera i rischi planetari della demografia, la povertà, la fame, le malattie, i dolori universali riservati ai nuovi nati nei due terzi del pianeta, quei precetti d’alto intelletto, sentenziati al sicuro, nel tepore dei ricchi palazzi vaticani, non fanno più sorridere, ma risultano così irresponsabili da diventare offensivi. Il papa, a fine prolusione s’è lamentato che “i cattolici non ascoltano abbastanza”. Meno male.
(Vignetta di Natangelo)

08 ottobre 2008

Il denaro passa, l'otto per mille no

Dice il pastore tedesco:
il denaro passa, Dio resta

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2008/10/benedetto-xvi-sinodo.shtml?uuid=a4a45a88-93c5-11dd-b691-b4862d432e11&DocRulesView=Libero
Ma nel frattempo, giusto per non farsi prendere dai peccati terreni (terribili), ecco come la Chiesa Cattolica dichiara la destinazione della sua quota di otto per mille per l'anno 2008, solo € 1.002.513.715,31 (e hanno voluto pure i 31 centesimi, Mazzinga Razzinger è uno preciso). Sono loro stessi che lo dicono, nessuna strumentalizzazione. Praticamente la Chiesa Cattolica, con i contributi dell'otto per mille che dice di usare "per esigenze di culto della popolazione, sostentamento del clero, interventi caritativi a favore della collettività nazionale o di paesi del terzo mondo", così come previsto dall'art. 48 della L. 222/1985, non dà una fava in attività di carità, se non briciole per interventi nei Paesi del terzo mondo e altre imprecisate attività caritative sul territorio nazionale.
1. La somma di € 1.002.513.715,31, di cui in premessa, è così ripartita e assegnata: a) all’Istituto centrale per il sostentamento del clero: 373.000.000,00; b) per le esigenze di culto e pastorale: 424.513.715,31 di cui: – alle diocesi: 160 milioni; – per l’edilizia di culto: 185 milioni (di cui 110 milioni destinati alla nuova edilizia di culto, 7 milioni destinati alla costruzione di case canoniche nel Sud d’Italia e 68 milioni destinati alla tutela e al restauro dei beni culturali ecclesiastici); – al Fondo per la catechesi e l’educazione cristiana: 32.513.715,31; – ai Tribunali Ecclesiastici Regionali: 9.000.000,00; – per esigenze di culto e pastorale di rilievo nazionale: 38.000.000,00; c) per gli interventi caritativi: 205.000.000,00 di cui: – alle diocesi: 90 milioni; – per interventi nei Paesi del terzo mondo: 85 milioni; – per esigenze caritative di rilievo nazionale: 30 milioni. 2. Alle voci “nuova edilizia di culto”, “Fondo per la catechesi e l’educazione cristiana” ed “esigenze di culto e pastorale di rilievo nazionale” è ulteriormente destinata la somma di € 21.000.000,00, prelevandola dall’avanzo di gestione del bilancio consuntivo della Conferenza Episcopale Italiana per l’anno 2007, che è così ripartita: – per la nuova edilizia di culto: € 10.000.000,00; – per il Fondo per la catechesi e l’educazione cristiana: € 8.000.000,00; – per esigenze di culto e pastorale di rilievo nazionale: € 3.000.000,00. http://www.chiesacattolica.it/cci_new/documenti_cei/2008-07/11-3/Ripartizione%202008.pdf

06 ottobre 2008

LA CRISI FINANZIARIA

Europa a picco, bruciati 450 miliardi Sprofonda Milano, il Mibtel a -8,24%

Wall Street giù: DJ a -2,95%. Bersagliati i titoli a maggiore capitalizzazione. È la peggiore giornata dal crollo del 1987

Godiamoci il crollo. Mettiamo che io debba - avendo contratto un mutuo pluridecennale - un centinaio e rotti di migliaia di euro - diciamo - al signor ANTONVENETA. Mettiamo che il signor Antonveneta, a cui devo dei soldi, muoia improvvisamente. E suo cugino (dott. MPS), unico parente PROSSIMO, sia morto poco prima. Era il suo unico erede, senza suoi eredi a sua volta, perchè erano una famiglia odiosa e tutti gli volevano male. Cazzo, io sono contento che il mio "usuraio" (a norma di legge) e il parente più prossimo del mio prestatore di soldi siano defunti. Col cazzo che gli ridò i soldi che mi hanno prestato, che se mi hanno dato 100 volendo 200 di garanzia poi tra vent'anni vogliono 200, ma dilazionati con una roba che chiamano MUTUO. Crollo anarchico subito. Non ce n'è.

E che gol (Sindrome di Stendhal)

Da notare il silenzio dello stadio esterrefatto dal capolavoro balistico del millennio. "Questo non è un gol, è più di un gol"; "Mamma mia che gol".

Ingiuste restrizioni ai dipendenti Alitalia

Nessuno ne ha ancora parlato, ma è una vergogna. Leggete qui:

Ogni dipendente Alitalia a tempo indeterminato con i suoi familiari ha la possibilità di utilizzare biglietti a riduzione. Per gli AA/VV le facilitazioni, su voli Alitalia, prevedono:

  • un biglietto al 94% di sconto (detto anche FREE) annuo per sé e per i propri familiari stretti (coniuge e figli)
  • un numero illimitato di biglietti al 90%, 75% e 50% di sconto (sia sui voli nazionali che internazionali)
Un dipendente Alitalia a tempo indeterminato è costretto a spendere il 6% (non come riduzione sul prezzo del biglietto ma come quota che deve sborsare) per acquistare un biglietto aereo. Ma avete idea di quanto costi tutto questo? Se egli volesse volare in Australia, e magari la sua famiglia fosse composta di quattro persone, il povero dipendente Alitalia sarebbe costretto a spendere addirittura 200 euro. Ma vi rendete conto? Duecento euro sono un sacco di soldi, e poi non avete idea di quanto costi la vita in Australia, senza contare lo sbattimento di dover affrontare un volo così lungo. E' una vergogna, mi auguro che il CAI (ovvero la nuova Alitalia) sani questa vergognosa situazione. Lo dicono anche gli assistenti di volo Alitalia, senza lamentarsi apertamente solo perché sono dei signori e hanno stile. Questa iniquità deve cessare. http://www.assistentidivolo.org/z_facilitazioni_viaggi.htm

05 ottobre 2008

Pagelle Inter-Bologna

Julio Cesar 6 - Non sbaglia un intervento; nulla può sul rigore in movimento di Moras. Spettatore attivo.

Maicon 6 - Non preme in fascia come al solito, è preso dalla nostalgia prolungata del gemello Maxwell sull'altro lato? Stanco.

Rivas 6 - Svolge il suo compitino senza infamia e senza lode, esce per infortunio. Scolastico.

Cambiasso 6,5 - Entra e va a fare il centrale in difesa nel momento più delicato della gara. E non sbaglia un colpo. Provvidenziale.

Cordoba 5 - Chiama la palla senza intervenire sul gol bolognese costringendo il Capitano alla figuraccia. Colpevole di empietà.

Zanetti s.v. - Pupi non sbaglia mai, per fede e per definizione. Beato.

Muntari 6,5 - Non è Lampard ma il suo mestiere lo fa proprio bene. E due falli in 97 minuti senza neanche un giallo. Ravveduto.

Vieira 7.5 - Una diga a centrocampo e un elastico nelle ripartenze. Nei contrasti riesce sempre a calamitare il pallone. Rinato.

Mancini 5 - Fa il cross deviato con il braccio da Volpi (di cognome e non di fatto) che permette ad Adriano di realizzare dal dischetto ma prima e dopo vaga per il campo come un turista in piazza del Duomo. Indolente.

Stankovic 6 - Riesce a centrare in pieno Antonioli da tutte le posizioni. Cecchino.

Quaresma 4,5 - Pecca di concretezza quasi sempre ed eccede in leziosità, soprattutto quando non serve. Con la sindrome di Sergio Coincecao. Veneziano.

Obinna 6 - Vivace. Un Martins evoluto, sia nella tecnica che nel fisico. Sorprendente.

Adriano 6,5 - Ancora un po' lento nei movimenti, anche se è volenteroso come un paracarro che vuole trasformarsi in gazzella, e a sprazzi ci riesce pure. Brioso.

Ibrahimovic 9 - Perchè solo i gol difficili? Quando è solo davanti alla porta, non gli sembra dignitoso segnare così facilmente. Magico.

Mourinho 7 - L'episodio del rigore, ovvero Ibra che cede il tiro all'Imperatore dopo che questi gli ha chiesto il favore di farglielo tirare, dimostra come l'orrenda (e improduttiva) gazzarra del penalty di Inter-Siena del campionato scorso sia potuta accadere solo perchè ai tempi c'era un Nessuno come allenatore. A meno di 10 minuti dalla fine, la mossa di Obinna (un attaccante) al posto di Qui-Quo-Quaresma (un'ala) viene compresa solo dagli esteti del calcio.